Vita sessuale “a secco”? La soluzione passa anche dai lubrificanti

0
23

S.o.s. là sotto? Vietato vergognarsi!

Secchezza intima addio con lubrificanti e idratanti (Pexels Photo)

Secchezza intima addio con lubrificanti e idratanti (Pexels Photo)

Fino a qualche tempo fa, la secchezza vaginale e l’uso di lubrificanti erano argomenti off-limits ritenuti un’esclusiva delle donne in menopausa. Ma oggi sappiamo che non è così. Ad avvisare che il problema riguarda anche le giovani è stata per prima l’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI). Che fin dal 2010 si batte per sdoganare un tabù ingiustificato. La mancanza di naturale lubrificazione, infatti, non è qualcosa di cui vergognarsi. E può verificarsi durante svariate fasi della vita di una donna.

Quando scatta l’allarme: la vita sessuale non è più questione di età

In età fertile, la secchezza può essere dovuta alla scarsa produzione di estrogeni (vaginite atrofica) o a un’infezione vaginale (vaginosi batterica). Ma non solo. Anche il troppo stress, alcune pillole contraccettive o antidepressivi e le fluttuazioni ormonali legate al ciclo mestruale possono rendere la lubrificazione insufficiente. Lo stesso può accadere in gravidanza, subito dopo il parto o in menopausa. Ma anche in presenza di alcune malattie come il diabete. E perfino la scarsa eccitazione tipica delle prime volte può indurre secchezza vaginale.

Secchezza intima e vita sessuale: le conseguenze che non ti aspetti

Una scarsa lubrificazione femminile può avere conseguenze notevoli sia a livello fisiologico che psicologico. Lo ha affermato a suo tempo il professor Antonio Chiantera, segretario nazionale AOGOI: la naturale lubrificazione consente una soddisfacente vita sessuale ma aiuta anche a proteggere dalle infezioni fungine e batteriche. Il “clima secco”, viceversa, rende le donne più vulnerabili sotto tutti i punti di vista. Senza parlare del dolore che, in assenza di lubrificazione, si può provare durante un rapporto. Rendendolo impossibile o provocando irritazioni, arrossamenti ed escoriazioni che possono indurre un calo del desiderio.

Lubrificanti e idratanti a base d’acqua: quanto ne sai?

La secchezza intima, per fortuna, non è un problema senza soluzione. Parlare con il proprio medico è sicuramente il primo passo per identificare le cause e trovare il giusto trattamento. Nella maggior parte dei casi, infatti, l’uso di prodotti topici a base di estrogeni è risolutivo. Soprattutto se abbinato all’uso di lubrificanti e idratanti vaginali. I più diffusi, oggi, sono quelli a base acquosa: sono compatibili con l’uso del preservativo, non ungono e non macchiano. Molti sono arricchiti con acido ialuronico che aiuta a ripristinare la normale funzionalità della mucosa. Altre formulazioni, invece, agiscono sulla microcircolazione determinando vasodilatazione e una piacevole sensazione di calore. Esistono anche prodotti a rilascio graduale che non necessitano di essere riapplicati durante i rapporti.

Lubrificanti

I lubrificanti a base di acqua sono il segreto per una vita sessuale più felice (Pexels Photo)

Gli errori da non fare per una vita sessuale più “morbida”

Fare sesso regolarmente può aiutare a mantenere la lubrificazione naturale. Può sembrare banale, eppure il primo errore che fanno le donne quando hanno problemi di questo tipo è appendere l’eros al chiodo. Ma è un circolo vizioso. Molto meglio, invece, prendersi cura di sé anche dal punto di vista intimo. Ci sono integratori a base di vitamina E, ad esempio, che possono essere utili per favorire il ritorno a una normale lubrificazione. L’importante è evitare i prodotti non specificamente pensati per l’igiene intima, come le creme per le mani o quelle per i neonati. O peggio i “rimedi della nonna” come l’aceto o lo yogurt. Bene che vada, si può rimediare una fastidiosa irritazione. È consigliato anche evitare le sostanze irritanti come i profumi presenti in alcuni detergenti e perfino in alcuni tipi di carta igienica. Può sembrare poco, ma a giovarne sarà la qualità della vita in generale.

Amica ©RIPRODUZIONE RISERVATA

[ Fonte articolo: Amica ]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*