Milano, 10 anni di Area C meno traffico e emissioni

0
25

La ztl è stata avviata il 16 gennaio 2012

Area C, la zona a traffico limitato del centro città di Milano dove si accede pagando un pedaggio, compie domani dieci anni. Tanto è passato dalla sua introduzione che avvenne il 16 gennaio del 2012. In questi anni, come rilevato da un documento di Amat, Agenzia mobilità ambiente e territorio del Comune, i dati mostrano una diminuzione dei transiti nella cerchia dei Bastioni. Si parte da oltre 90 mila ingressi rilevati nel 2012 (-31% rispetto al 2011), per arrivare agli 81 mila del 2021, con una diminuzione che raggiunge il 38,5%. Il dato del 2020 (-46,8%) risente degli effetti sugli spostamenti causati dall’epidemia da Covid. Per quanto riguarda il 2021 si può invece ipotizzare un aumento del mezzo privato dovuto al timore di utilizzare il trasporto pubblico. I dati mostrano un trend in discesa delle emissioni inquinanti dei mezzi che hanno avuto accesso ad Area C: nel 2012 le emissioni di Pm10 allo scarico sono risultate pari a una tonnellata all’anno, nel 2021 arrivano a 0,3; il Pm10 totale passa da 4,5 tonnellate a 1,7; gli ossidi di azoto vanno da un valore di 64 tonnellate a 14.
    I dati “ci dicono che Area C ha avuto un effetto diretto sul traffico nel centro cittadino e il suo effetto si è consolidato nel tempo e continua a funzionare – ha sottolineato l’assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Arianna Censi -. La sua introduzione ha concorso ad abbassare notevolmente l’inquinamento generato dalle auto che vi sono transitate nel corso degli anni. Ciò è dovuto anche al fatto che, contemporaneamente, ha contribuito a cambiare il parco auto della nostra città. Questo slancio è stato supportato dall’amministrazione che in questi anni ha investito oltre 20 milioni di euro nei contributi per l’acquisto di veicoli a minore impatto ambientale”. Nel corso dei 10 anni dall’introduzione di Area C, la ztl del centro storico di Milano, sono aumentati gli ingressi di veicoli ecologici, elettrici o ibridi. Nella ripartizione delle macro-classi dei veicoli in ingresso alla ztl, spicca il dato dei veicoli ecologici che dal 4,1% del 2017 passano al 12,2% del 2021. I veicoli elettrici, che nel 2012 erano lo 0,1% di tutti i mezzi che sono entrati in Area C, nel 2021 sono il 2,7%, mentre quelli ibridi sono più che quadruplicati (partiti dal 5,3% arrivano al 22,2% nel 2021). I veicoli più inquinanti sono, nel corso del tempo, scomparsi e l’anno scorso si è registrato che il 98,4% di ingressi è costituito da mezzi Euro 5 ed Euro 6, con una prevalenza di quest’ultimi, che sono il 54,2%. La ripartizione delle ‘tipologie veicolari’ in ingresso (persone, autobus sia pubblici che privati, merci) non ha avuto significative variazioni nel corso degli anni, a dimostrazione che non c’è una tipologia che è stata particolarmente colpita da questo provvedimento, secondo il Comune di Milano.

[ Fonte articolo: ANSA ]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*