Le reazioni dell'opposizione: il governo non c'è più, si vada al voto

0

Appello al presidente Mattarella

Condividi

Dopo l’annuncio di Matteo Renzi delle dimissioni degli esponenti di Italia Viva all’interno dell’esecutivo Conte, l’opposizione torna a chiedere con forza il ritorno alle urne.

“Bisogna fare presto. L’Italia non può aspettare le liti, i giochini e le reciproche accuse dei partiti di governo, di Conte e Renzi, dei Cinquestelle e del Pd. Il centrodestra è la prima forza politica del Paese e, dopo un vertice che ha confermato la grande compattezza della coalizione, chiede che il presidente del Consiglio prenda atto della crisi e si dimetta immediatamente o, diversamente, si presenti domani in Parlamento per chiedere un voto di fiducia”.

E’ quanto si legge in una nota diffusa dal centrodestra al termine dell’incontro tra Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Antonio Tajani, Lorenzo Cesa, Maurizio Lupi, Giovanni Toti.

E poi: “Se non ci sarà la fiducia, la via maestra per riportare al governo del Paese una maggioranza coesa ed omogenea, con un programma condiviso e all’altezza dei problemi drammatici che stiamo affrontando, resta quella delle elezioni. Ci affidiamo alla saggezza del presidente della Repubblica per una soluzione rapida: i partiti del centrodestra ribadiscono con chiarezza la loro indisponibilità a sostenere governi di sinistra”.

Salvini: il governo non c’è più? Elezioni 
“Conte, Renzi, Di Maio, Zingaretti. Litigio infinito, Italiani in ostaggio. Salute, lavoro, scuola, tasse. Tutto fermo. Quindi? Gennaio, voto in Portogallo. Febbraio, voto in Catalogna. Marzo, voto in Olanda, Israele e Bulgaria. Aprile, voto in Albania. Maggio, voto in Scozia, Galles e Cipro. Giugno, voto in Francia. Settembre, voto in Norvegia, Russia e Germania. Ottobre, voto in Repubblica Ceca. Il governo in Italia non c’è più? Che si fa? #elezioni #democrazia #libertà”. Lo aveva scritto in precedenza Matteo Salvini su Facebook. 

Meloni: Conte si dimetta, elezioni subito 
“Italiani in ginocchio, governo allo sfascio. L’Italia non può permettersi di perdere altro tempo. Conte si dimetta. Elezioni subito”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, sempre su Facebook. E lancia un appello a Mattarella.

Rotondi: voto subito a febbraio in due giorni 
“La penso come Meloni: Mattarella ponga fine a questo scempio senza strascico di governi tecnici e accanimenti terapeutici. Magari si può votare in due giorni, per evitare code. Si vada al voto a febbraio, con il doveroso esonero dalla raccolta delle firme per i gruppi parlamentari costituti a fine legislatura in entrambi i rami del Parlamento”. Così Gianfranco Rotondi. 

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*