Tra live e digitale, Milano riparte dalla fashion week

0
Tra live e digitale, Milano riparte dalla fashion week

Uno show di Armani (Fotogramma)

Milano prova a ripartire. E lo fa iniziando dalla moda. Dopo lo stop imposto a febbraio con l’emergenza Covid, la città ritrova la sua Milano Fashion Week. Un’edizione diversa dalle altre, sicuramente insolita, in programma fino al 28 settembre prossimo, con show che si alterneranno in formato live e digitale. Tanta è l’attesa per Prada, con il debutto di Raf Simons che ha tratteggiato la collezione in tandem con Miuccia Prada e la presenterà in formato digitale.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

Nonostante qualche assenza che si fa sentire (Bottega Veneta e Gucci su tutte) sono i numeri a parlare per questa edizione: 64 sfilate, di cui 23 in presenza e 41 in forma digitale, 39 sfilate donna, 4 uomo, 19 co-ed, 61 presentazioni di cui 24 digitali e 37 in presenza, 12 presentazioni su appuntamento e 22 eventi per un totale di 159 appuntamenti in calendario.

Tra le novità rilevanti spicca Valentino, che ha scelto di sfilare eccezionalmente a Milano con una collezione co-ed in calendario domenica alle 14. Una scelta che sottolinea e ribadisce l’impegno a sostegno del sistema moda da parte degli stilisti italiani. Uno su tutti quello di Giorgio Armani, che per la prima volta presenterà le sue collezioni in diretta tv. E c’è attesa anche per la sfilata di Blumarine, la prima sotto la direzione creativa di Nicola Brognano, che è in calendario in forma fisica. E poi gli show di Dolce&Gabbana, Alberta Ferretti, Fendi e Salvatore Ferragamo e Versace (anche loro in formato live) mentre Shuting Qiu, Emilio Pucci, Francesca Liberatore, Elisabetta Franchi e Andrea Pompilio presenteranno in forma digitale.

“Nell’anno del Covid, la moda sta dimostrando, nonostante le mille difficoltà, molto cuore, grande forza ed unità – ha spiegato il presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa -. È l’anno in cui i grandi brand, stanno rispondendo in maniera esemplare alle necessità della nostra industria e delle persone. Abbiamo lavorato per presentare una fashion week che rispetti tutte le norme di sicurezza e sia in adempimento alle norme governative e alle ordinanze regionali. In questo momento stiamo cercando di dare un messaggio di grande positività con tanti appuntamenti sia fisici che digitali”.

Oltre alle sfilate, non mancheranno le presentazioni e gli eventi che arricchiscono il calendario, tra cui il 55esimo anniversario dalla nascita del brand Laura Biagiotti che verrà celebrato con un video inedito o la maison Cucinelli che oggi presenterà la nuova collezione nel quartier generale di Viale Montello. E ancora, il lancio, attraverso un cortometraggio, delle capsule collection che Emilio Pucci ha realizzato in collaborazione con il designer giapponese Tomo Koizumi, co-vincitore del premio Lvmh 2020. Da segnalare anche la presentazione co-ed dei creativi Fiona Sinha e Aleksandar Stanic, con la loro inedita lettura dei codici stilistici di Trussardi per Archive+Now e la presentazione della prima collezione gioiello di Bikkembergs.

Domenica si terrà inoltre l’evento digitale ‘We are Made in Italy – The Fab Five Bridge Builders’, che vedrà protagonisti 5 Poc (people of colour) Talents, organizzato da la Camera Nazionale della Moda Italiana in collaborazione con The Blm-If Collective. I cinque designer sono stati scoperti da Michelle Ngonmo, fondatrice dell’Afro Fashion Week di Milano e mostreranno le loro collezioni SS21 come un collettivo unico.

Anche per questa edizione gli spazi de La Permanente in via Turati accolgono il Fashion Hub della Milano Fashion Week e ospitano l’undicesima edizione del Fashion Hub Market, dove protagonisti sono 7 brand emergenti: Gentile Catone, Salvatore Vignola, DassùYAmoroso, Daniele Carlotta, Roni Studios, C’est la V, Francesca Marchisio. Per questa edizione è inoltre stata rafforzata la piattaforma milanofashionweek.cameramoda.it, il progetto digitale di Cnmi che ha ottenuto grande successo con la prima edizione della Milano Digital Fashion Week, svoltasi nel luglio scorso e che ha raggiunto sui social network 105.592.409 utenti, quantificando un Earned Media Value (Web e Social Media) di 6.244.315 di euro che rappresenta il 58% del Emv totale delle Digital Fashion Week e ha generato direttamente 300.000 visualizzazioni e raggiungendo complessivamente 15.100.000 play.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]