Le nuove frontiere della medicina personalizzata

0

Le nuove frontiere della medicina personalizzata

Per curare la parodontite la ricerca medica prosegue in modo costante per poter arrivare a risultati d’eccellenza e di medicina personalizzata. Lo studio del microbiota sta portando a protoclli di cura all’avanguardia. Scopriamo di cosa si tratta.

La medicina: le 4 “p” che ne stanno definendo il modello

La capacità di comprendere più a fondo i meccanismi che regolano il funzionamento dell’organismo umano grazie alla biologia molecolare sta portando a una vera e propria rivoluzione in campo medico.

Per quanto ancora oggi i medici intervengano prevalentemente quando è già comparsa una malattia, con esami diagnostici e cure specifiche, sta iniziando a diffondersi un nuovo modello di medicina, definita delle “4P”, cioè una medicina di precisione, personalizzata, predittiva e preventiva. L’atteggiamento del medico non è cioè più quello di attendere l’insorgenza di una malattia e di rispondere con cure generiche per quella data malattia, ma invece quello di capire quali persone sono più propense a sviluppare quel particolare disturbo, di mettere in campo strategie di prevenzione, di scegliere terapie altamente specifiche non solo per quella malattia ma per il singolo malato. In questo nuovo scenario si sta delineando con sempre maggiore chiarezza l’importanza per la salute umana della flora batterica che popola i diversi distretti del nostro organismo.

Lo studio del microbiota: la nuova frontiera della medicina personalizzata

Ognuno di noi ospita qualcosa come 100.000 miliardi di batteri, la maggior parte dei quali amici e benefici per la nostra vita, dai quali prendiamo a “prestito” geni non presenti nel nostro patrimonio cromosomico ma indispensabili per la produzione di sostanze fondamentali quali vitamine o aminoacidi non sempre sufficientemente presentati nella nostra dieta. Queste complesse comunità batteriche sono indicate come il microbiota umano e il patrimonio genetico di cui ci arricchiscono si chiama microbioma.

Le ricerche più recenti indicano come ogni uomo abbia un microbiota che si modifica nel corso della vita e sia diverso da persona a persona. Il tipo di specie batteriche presenti nel microbiota condiziona la salute e predispone allo sviluppo di malattie differenti, da quelle cardiovasdcolari, a quelle intestinali, a quelle neurologiche fino a quelle odontoiatriche.

Nella parodontite ad esempio si è scoperta la presenza di un particolare batterio, il Fusobacterium Nucleatum, che è stato riscontrato anche nel tratto di intestino delle persone colpite da cancro del colon-retto.

L’analisi quindi delle caratteristiche del microbiota e del patrimonio genetico di questi batteri rappresenta un aspetto importante per identificare chi è a maggior rischio di alcune malattie e per sviluppare terapie capaci di ripristinare una popolazione batterica ideale. Questo approccio è praticato da circa 10 anni dagli specialisti di IMI-EDN, che sono così in grado di mettere in atto terapie particolarmente efficaci, personalizzando i protocolli di trattamento.

 

Per ulteriori informazioni in merito alla cura della parodontite vi suggeriamo anche questo articolo  Curare la parodontite con microscopio e laser dove viene dato un focus sull’importanza di una cura non invasiva

[ Fonte articolo: Oggi ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.