La settimana a Piazza Affari inizia in positivo

0
La settimana a Piazza Affari inizia in positivo

(AFP)

In vista della riunione della Federal Reserve di mercoledì, l’ottava dei listini europei inizia sopra la parità in scia dei progressi, confermati, nelle trattative tra Stati Uniti e Cina e dello sblocco della questione Brexit. In attesa del voto del Parlamento inglese sulla proposta del premier di andare alle elezioni a metà dicembre, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha annunciato il via libera alla proposta di posticipare la Brexit al 31 gennaio.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato in rialzo dello 0,38% a 22.695,64 punti, spicca l’andamento dei titoli legati al made in Italy dopo la conferma dell’offerta avanzata dal gruppo francese LVMH per Tiffany. Ferragamo ha così terminato la prima seduta della settimana in rialzo del 4,18%, Brunello Cucinelli ha guadagnato il 3,9% e Geox il 3,11%.

Denaro anche sul comparto auto (+0,52% di FCA, +4,19% di Pirelli) e +1,53% di Tenaris, nonostante le elezioni argentine abbiano registrato l’affermazione del peronista Alberto Fernandez.

Perfetta parità per Telecom Italia nel giorno in cui l’agenzia S&P (“BB+/B” con outlook “stabile”) ha fatto sapere che se la società riuscirà a costruire un “track record di costruttiva collaborazione a supporto della stabilità di lungo termine delle priorità del board e del management, potremmo nuovamente considerare un rating investment grade, se giustificato anche da un migliore profilo di rischio finanziario”.

Nel comparto bancario, +0,26% di Intesa Sanpaolo, +0,74% di BPER e +0,42% di UniCredit che questa mattina ha annunciato di aver identificato un caso di accesso non autorizzato a dati relativo a un file generato nel 2015. Dopo un rialzo a 147 punti base a seguito dell’esito delle elezioni in Umbria, lo spread con i titoli tedeschi ha fatto segnare un lieve incremento a 143,3 punti base.

Sul segmento Aim Italia, scosso nelle ultime sedute dal ciclone Bio-on, debutto con il botto per Arterra Bioscience (+31,21%), società specializzata in biotecnologie. (in collaborazione con money.it)

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]