Sicurezza e velocità, i vantaggi del POS anche per i piccoli esercenti

0
Sicurezza e velocità, i vantaggi del POS anche per i piccoli esercenti

Fotogramma

Più sicuri, veloci e, in un certo senso, economici i pagamenti effettuati con le transazioni digitali. Quella dei pagamenti elettronici è una frontiera sempre più appetibile anche per i piccoli esercenti italiani. Anche per i cosiddetti piccoli pagamenti le ‘carte’ sono le benvenute in cartoleria, al bar, in edicola, in taxi e anche nei negozi di abbigliamento.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

Da luglio 2020, inoltre, scatta il bonus ai commercianti per abbattere le commissioni sui pagamenti elettronici. Per incentivare gli esercenti ad accettare questa forma di pagamento alternativa al contante, il Governo ha pensato ad un premio che permettesse così di ammortizzare il costo delle commissioni bancarie connesse all’impiego dello strumento elettronico.

I costi, quindi, non preoccupano più i commercianti del belpaese visto che sono state tagliate le commissioni sul pagamento elettronico, in armonia con quanto accade già in altri Paesi europei. Per i pagamenti con bancomat e prepagata la commissione interbancaria per ogni operazione di pagamento non potrà superare lo 0,2% del valore dell’operazione stessa. Discorso simile per le operazioni effettuate tramite carta di credito, che prevedono una commissione interbancaria non superiore allo 0,3% del valore dell’operazione stessa.

Per quanto riguarda, invece, le commissioni interbancarie per le operazioni nazionali tramite carte di pagamento, i prestatori di servizi di pagamento saranno tenuti ad applicare, per tutti i tipi di carte, commissioni di importo ridotto per i pagamenti fino a 5 euro rispetto a quelle applicate alle operazioni di importo pari o superiore, così da promuovere l’utilizzo delle carte anche per cifre molto basse.

Per le operazioni nazionali effettuate tramite carta di debito, fino al dicembre 2020 i prestatori di servizi potranno applicare una commissione interbancaria non superiore all’equivalente dello 0,2% calcolato sul valore medio annuo di tutte le operazioni nazionali tramite carta di debito all’interno di ciascuno schema di carta di pagamento.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]