I nuovi Pixel 4 si sbloccano a occhi chiusi

0

Il riconoscimento facciale dei nuovi smartphone di Google funziona anche se non si hanno gli occhi aperti, con qualche rischio per la privacy

I nuovi Pixel 4 e Pixel 4 XL di Google, presentati lo scorso martedì, possono essere sbloccati con un sistema di riconoscimento facciale simile a Face ID degli iPhone di Apple, ma con una differenza significativa: quello di Google funziona anche quando si hanno gli occhi chiusi. Chris Fox di BBC News è stato tra i primi ad accorgersene, segnalando come questa differenza possa costituire un serio problema per la tutela della privacy e dei propri dati. Se il riconoscimento funziona anche quando si hanno gli occhi chiusi, significa che chiunque potrebbe sbloccare lo smartphone di un altro, per esempio puntandoglielo in faccia mentre sta dormendo, o durante un furto per avere accesso ai dati ed evitare che il telefono venga bloccato a distanza in un secondo momento dal suo proprietario.

La circostanza è confermata da una pagina della “Guida di Pixel Phone” dove viene spiegato che: “Il tuo telefono può essere sbloccato da un’altra persona se viene rivolto verso il tuo viso, anche se hai gli occhi chiusi. Tieni il telefono in un luogo sicuro, ad esempio nella tasca anteriore della borsa”.

Quando Apple aveva introdotto la sua prima versione di Face ID per gli iPhone, un paio di anni fa, erano circolate polemiche simili sui rischi per la sicurezza degli utenti e dei loro dati. Apple aveva in seguito chiarito che Face ID era stato studiato per funzionare solamente con gli occhi aperti, e puntati verso lo schermo del telefono, in modo da ridurre il rischio di sblocchi indesiderati degli iPhone da parte di qualcun altro. Questa soluzione rende più sicura la tutela dei propri dati anche nel caso di operazioni di polizia, che in molti paesi non possono riguardare la perquisizione dei dati su uno smartphone bloccato, salvo autorizzazioni da parte dell’autorità giudiziaria.

Sui Pixel 4 il sistema che rileva gli occhi aperti non c’è e questo secondo diversi esperti potrebbe essere un problema, almeno nell’immediato futuro. The Verge ha segnalato che probabilmente è già in fase di sviluppo un’opzione che dovrebbe introdurre una nuovo sistema sugli occhi aperti, che arriverà in futuro tramite un aggiornamento dello smartphone, anche se per ora non è chiaro quando sarà diffuso né se attiverà l’opzione in modo predefinito.

(The Verge)

Google ha dato per ora una risposta piuttosto vaga: “Non abbiamo niente di specifico da annunciare sulle prossime funzionalità, ma come per buona parte dei nostri prodotti, questa funzione è progettata per essere migliorata nel corso del tempo con futuri aggiornamenti del software”.

In attesa di un aggiornamento, i nuovi proprietari dei Pixel 4 avranno comunque alcune opzioni per ridurre il problema. La prima e più drastica prevede la disattivazione dell’opzione per sbloccare lo smartphone con la propria faccia, anche se ciò obbliga a usare il classico PIN, non avendo i nuovi Pixel 4 un sensore per le impronte digitali. In alternativa, si può mantenere il sistema di sblocco con la faccia, ma attivare dalle impostazioni l’opzione “Lockdown”, in modo che questa appaia nel menu che compare quando si tiene premuto il tasto per spegnere lo smartphone. Se si seleziona l’opzione, il telefono blocca tutti i sistemi alternativi al PIN per aumentare la sicurezza del dispositivo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.