I tifosi di Milan e Juve insorgono, 'Calhanoglu e Demiral out'

0
I tifosi di Milan e Juve insorgono, 'Calhanoglu e Demiral out'

Tifosi turchi al Saint-Denis prima di Francia-Turchia(foto AFP)

Hakan Calhanoglu e Merih Demiral sono di nuovo nella bufera. Nel match di ieri contro la Francia i giocatori turchi di Milan e Juventus hanno riproposto, insieme ai loro compagni di nazionale, il saluto militare che già aveva scatenato polemiche dopo la partita con l’Albania. Poi, tra dichiarazioni post-gara e messaggi sui social, hanno gettato ulteriore benzina sul fuoco. “Gioco per la nazionale e quando lo faccio la politica è da un’altra parte. Noi giochiamo a pallone, ma siamo al 100% con la nostra nazione. Anche se comunque non sempre è tutto bello”, ha detto il rossonero Calhanoglu. Demiral invece ha scelto ancora una volta twitter per esprimere il suo appoggio al presidente Erdogan e all’offensiva della Turchia nel nord della Siria.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

“Ne mutlu Turkum diyene”, ha scritto il difensore bianconero citando una celebre frase di Mustafa Kemal Ataturk che tradotta significa: “Felice è colui che si chiama turco”.

Ora sui social spopolano gli hashtag dei due giocatori e in tanti esortano i due club italiani a cederli. “Ma un #demiralout non ci starebbe? Giocatore di medio livello, arrogante nazionalista che manda messaggi indegni…secondo me la Juventus merita molto di meglio”, “Vattene via dalla Juve”, “Cara Juventus, temo che giocatori come Merih Demiral, che infangano lo sport con i messaggi di guerra di un dittatore assassino, non meritino di giocare in Italia, né a Torino, né altrove. Le chiedo, da tifoso, di lanciare un messaggio forte“, scrivono alcuni tifosi bianconeri. “Onore al St.Pauli società e tifoseria unite per cacciare un loro dipendente che ha osato prendere posizione verso un genocidio. Prendete esempio per Calhanoglu, Demiral e Under”, si legge sempre su twitter in un discorso allargato anche al romanista Under.

Posizioni nette anche da molti tifosi rossoneri: “Se è al 100% con la sua Nazione se vada fuori dai coglioni al più presto, magari proprio in Turchia, nel frattempo togliti la 10 che sei uno scandalo”, “Milan tutto ok con le dichiarazioni di Calhanoglu dopo l’esultanza con saluto militare in sostegno alla guerra della Turchia in Siria?”, “Mi aspetto una pioggia di fischi a San Siro, se non vieni mandato via a calci nel culo nella società. Indegno di vestire quella maglia, come calciatore e come uomo, sparisci”, sono solo alcuni messaggi che prendono di mira il centrocampista rossonero.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]