Zao, l'app che ti sostituisce ai tuoi attori preferiti

0
Zao, l'app che ti sostituisce ai tuoi attori preferiti

(Fotogramma)

Non è forse il sogno di chiunque diventare il protagonista di un kolossal o interpretare, per una volta, il proprio personaggio preferito in un noto film? Da qualche giorno miliardi di utenti stanno ‘realizzando’ questo desiderio con Zao, un’app cinese che letteralmente ‘incolla’ il nostro volto nelle scene delle pellicole più famose. Rilasciata soltanto venerdì, è già in cima all’Apple Store China e sembra che l’effetto sia davvero incredibile. Ma, appena superata la meraviglia, sono già sorte le prime polemiche sulla superficialità con cui l’app tratta la privacy degli utenti.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

Prima di tutto, come funziona Zao? La tecnica usata per realizzare i video è quella del ‘deepfake‘, che sovrappone un’immagine data all’utente a quella del video esistente, smussando i contorni come succede nei fotomontaggi. E’ sufficiente fornire un selfie e Zao fa il resto, all’utente basterà poi scegliere lo spezzone di cui desidera diventare parte. Per aumentare l’effetto realistico, basta poi fornire alcuni mini-video con il volto impegnato in qualche smorfia (occhiolino, sorriso etc.). Maggiore è il numero di ‘contributi’ forniti dall’utente migliore sarà il risultato.

Un utente twitter, Allan Xia, ha condiviso sul social il proprio risultato come Sam in ‘Game of Thrones’ e Leonardo Di Caprio in ‘Titanic’, dicendosi assolutamente stupefatto e ha poi lanciato l’ipotesi che questa possa essere la nuova frontiera dell’advertising. Perciò alcuni follower si sono chiesti se fosse totalmente legale, da parte della società di produzione dell’app, detenere il materiale fornito dagli utenti (come era già successo per Faceapp).

L’app, nelle condizioni d’uso e privacy, chiarisce che i video sono forniti con i diritti, quindi con la libertà di essere riutilizzati e Zao ha assicurato che non saranno offerte ad altri e si è impegnata a eliminare i dati di chi decida di cancellarsi.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]