Rafael Nadal ha vinto gli US Open

0

Ha battuto il russo Daniil Medvedev in una finale lunga e combattuta e ora è vicinissimo a un record di Roger Federer

Domenica, il tennista spagnolo Rafael Nadal ha vinto gli US Open battendo il russo Daniil Medvedev in una finale combattutissima, terminata con il punteggio di 7-5, 6-3, 5-7, 4-6, 6-4 dopo 4 ore e 50 minuti di gioco. Per Nadal, che ha 33 anni, è stata la quarta vittoria in carriera agli US Open e la 19esima in un torneo del Grande Slam, come vengono chiamati i quattro tornei più difficili e importanti al mondo (Australian Open, Roland Garros, Wimbledon e US Open).

Il New York Times ha parlato della finale come una delle più avvincenti della storia recente del torneo, per il livello di intensità e di lotta tra i due atleti: Nadal è andato in vantaggio di due set, portandosi a un passo dalla vittoria, ma Medvedev, più giovane ma meno esperto (ha 23 anni), è riuscito a rimontare e giocarsi tutto al terzo set. Dopo il punto decisivo, un errore di Medvedev, Nadal è crollato a terra ed è rimasto fermo steso per diversi secondi, urlando in aria; poi si è seduto sulla sua sedia a bordo campo e ha pianto, mentre il pubblico lo applaudiva e gli schermi trasmettevano i momenti più importanti della sua carriera.

La vittoria agli US Open ha portato Nadal a una sola vittoria di distanza dal record di vittorie in tornei del Grande Slam, che appartiene allo storico rivale di Nadal, il 38enne svizzero Roger Federer. Nadal potrebbe quindi raggiungere Federer già il prossimo anno, se riuscisse a giocare a questi livelli. Per Medvedev, che ha giocato la sua prima finale in un torneo del Grande Slam, la partita è stata probabilmente il momento più alto e importante della sua carriera fino a questo punto. Fino ad ora era stato un grande giocatore in grado di ottenere sporadici buoni risultati, ma non un campione: ieri ha dimostrato di poter giocare alla pari con uno dei più forti di sempre.

(Kyodo via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.