Crisi governo, Piazza Affari accusa il colpo

0
Crisi governo, Piazza Affari accusa il colpo

È stata una seduta dove a prevalere per gran parte della giornata è stato un atteggiamento attendista. Gli investitori erano in attesa del discorso dell’ormai ex premier Giuseppe Conte in Senato, sfociato poi in un aspro botta e risposta con Matteo Salvini, leader della Lega e vicepremier del governo gialloverde.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

Nel discorso l’ex premier ha di fatto imputato a Salvini tutta la responsabilità per la fine anticipata del suo esecutivo, accusando il ministro degli interni di perseguire interessi “personali e di partito”.

A Milano la reazione della Borsa alle notizie che via via sono giunte da Roma è stata scomposta: l’indice FTSE Mib ha accusato il colpo annullando il movimento positivo di lunedì. In chiusura il listino italiano ha lasciato sul parterre l’1,11% terminando a 20.485,43 punti.

Giornata da dimenticare soprattutto per le banche nonostante il valore dello spread sia rimasto tutto sommato sotto controllo (203 punti base in chiusura di seduta). BPER Banca (-3,18% a 3,01 euro), il peggior titolo di giornata in compagnia di Banco BPM (-2,56% a 1,678 euro) e Atlantia (-2,98% a 23,08 euro).

Fra le tante note stonate due eccezioni di lusso: si tratta di Amplifon (+2,88% a 23,54 euro) e Juventus (+3,73% a 1,5415 euro), la miglior della giornata dopo che ieri è stata incoronata da Boston Consulting Group la società italiana che nel 2018 ha creato maggior valore per i suoi azionisti.

Sul fronte valutario, l’eurodollaro scambia in rialzo dello 0,13%, attestandosi a 1,1089 sul finire della sessione europea. in collaborazione con Money.it)

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]