Spread a 195, le banche salgono dopo le nuove regole sugli NPL

0
Condividi

di Fabrizio PattiMilano Aspettative dei direttori acquisti al ribasso, da una parte. Richieste di sussidi di disoccupazione minori delle attese, dall’altra. Per l’economia statunitense ieri è stata una nuova giornata con dati contraddittori e per questo gli occhi dei mercati oggi sono puntati sul discorso che il governatore della banca centrale americana, Jerome Powell, terrà al meeting annuale della Fed del Kansas a Jackson Hole, in Wyoming.  La sua lettura della fase economica, segnata da dati contraddittori, darà segnali sui tempi e sull’entità di un prossimo taglio dei tassi. 
Intanto le borse europee oggi sono positive, dopo la discesa di ieri. Milano (-0,14% ieri in chiusura dopo una giornata col segno più) ora segna +0,56%. Anche Francoforte, Londra e Parigi hanno indici in salita di circa mezzo punto. 
E’ poi ancora lo spread a essere sotto osservazione. Il differenziale tra Btp e Bund tedeschi ieri è sceso di 5 punti base, da 200 a 195. In apertura lo spread rimane stabile, +2 punti base per il Btp italiano (all’1,32%), +2 punto per il Bund tedesco. 
In apertura +0,80% per il settore bancario a Piazza Affari. Ieri la vigilanza della Bce, guidata da Andrea Enria, ha rivisto le regole per la gestione dei crediti deteriorati, dando più tempo (fino a 9 anni e non più 7 per quelli assistiti da garanzia immobiliare) alle banche per smaltire quelli erogati a partire dall’aprile 2019.
Migliori titoli del Ftse Mib Banco Bpm e Juventus, con incrementi di poco superiori all’1,50%. Unici titoli negativi Diasorin (-0,10) e Campari (-0,30%).
 

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.