Altre due persone sono state arrestate per l’esplosione avvenuta due settimane fa all’Agenzia delle entrate di Copenaghen

0

Altre due persone sono state arrestate in Svezia per l’esplosione avvenuta lo scorso 6 agosto alla sede dell’Agenzia delle entrate di Copenaghen, in Danimarca: il totale dei sospettati è così salito a quattro, uno in custodia cautelare e uno ancora in fuga, entrambi di nazionalità svedese. Non si conoscono invece le identità e le provenienze dei due sospettati arrestati ieri, ma la polizia ha detto che hanno 22 e 27 anni.

L’esplosione non aveva causato feriti, ma aveva danneggiato gravemente la facciata dell’edificio: si sa che è stata causata intenzionalmente, ma non ci sono informazioni sulle possibili motivazioni. Inizialmente si era ipotizzato un collegamento con l’alta pressione fiscale danese, ma il fatto che i primi due sospettati fossero svedesi – un paese dove gli attentati esplosivi sono relativamente frequenti – aveva reso più incerte le cose.

La sede dell’Agenzia delle entrate danese a Copenaghen, in Danimarca, il 7 agosto 2019 (Ólafur Steinar Rye Gestsson / Ritzau Scanpix)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.