MotoGp, Rossi: "Adoro Silverstone e la Yamaha qui è sempre veloce"

0

Valentino punta a tornare sul podio nel Gp di Gran Bretagna, dove ha colto un successo e tre terzi posti nelle ultime quattro edizioni: "E' una pista vecchio stile, tecnica, tra le mie cinque preferite. Speriamo nel bel tempo perché l'anno scorso è stato un incubo". Vinales: "Circuio favorevole alla nostra moto, saremo competitivi"

ROMA –  Un circuito che esalta le caratteristiche della sua Yamaha M1 sarà l'occasione buona per risalire sul podio? Valentino Rossi guarda con ottimismo al prossimo appuntamento di Silverstone, dove la MotoGp torna a fare tappa per il 12esimo round del calendario un anno dopo la gara cancellata a causa della pioggia incessante e i problemi di drenaggio. Ad accogliere team e piloti sarà dunque un asfalto completamente rivisto, una incognita per tutti e un ulteriore banco di prova anche per il Dottore, che sui 5,9 chilometri del tracciato britannico nelle ultime quattro edizioni ha colto una vittoria (2015) e tre terzi posti (2014, 2016 e 2017). Un bilancio ben augurante in vista del weekend.

Rossi: "Yamaha di solito veloce a Silverstone"

"Adoro Silverstone, è tra i miei primi cinque circuiti preferiti – confessa Valentino – Mi piace molto perché è una pista vecchio stile. È molto lungo, fare un giro è come fare un viaggio da un posto all'altro. Inoltre è un tracciato tecnico: ha tutto. Quando sei veloce, è un grande piacere guidare lì".  Naturalmente confidando in un meteo favorevole. "Ho dei bei ricordi di questo circuito ma tutto dipende dal tempo – aggiunge il campione di Tavullia  – Guidare a Silverstone in condizioni meteorologiche difficili è pericoloso perché stai andando così veloce, quindi speriamo in un tempo simile a quello che abbiamo avuto nel 2017, quando abbiamo trascorso un buon fine settimana. Per essere veloci qui hai bisogno di una buon feeling e stabilità. Anche sui tornanti hai punti veloci e ci sono anche molte curve lunghe, quindi è una pista in cui di solito la Yamaha è veloce. Speriamo nel bel tempo perché l'anno scorso è stato un incubo, quindi speriamo che quest'anno sia un buon fine settimana, anche per i tifosi".

Vinales: "Qui la mia prima vittoria in MotoGp"

Ostenta fiducia anche l'altro pilota della Yamaha, Maverick Vinales, alla vigilia del Gp di Gran Bretagna. "Silverstone è un percorso che mi piace molto e cercherò di fare del mio meglio dal primo giro. È una pista da affrontare dall'inizio, quindi spingerò al massimo per tutto il weekend – le parole dello spagnolo – A Silverstone ho ottenuto la mia prima vittoria in MotoGp, quindi ho dei bei ricordi lì. Penso che sia una pista che possa essere molto favorevole alla nostra moto e che possiamo essere competitivi anche per il nuovo asfalto. Ci aspettiamo un grip migliore e questo è sicuramente qualcosa che funzionerà a nostro vantaggio. Il nostro obiettivo rimane lo stesso: essere la prima Yamaha sempre nella classifica finale".

Iannone: "Ogni pista foglio bianco su cui lavorare con Aprilia"

L'adattamento alla nuova superficie e la tradizionale variabilità meteorologica definiranno le strategie di squadre e piloti, sin dalla prima sessione. Compreso l'Aprilia Racing Team Gresini, che punta a continuare lo sviluppo della Aprilia RS-GP e preparare al meglio la gara di domenica. "A Silverstone spero di potermi avvicinare al gruppo dei migliori, prestazione che purtroppo ci è mancata in Austria – afferma Aleix Espargarò – Le incognite per il prossimo weekend sono molte ma la strategia per me è sempre la stessa: dare il 100% e sfruttare al massimo il pacchetto tecnico". Per Andrea Iannone "quella inglese non è mai una pista semplice da affrontare, sia per il layout sia per le condizioni che possono influenzare pesantemente il weekend. Questo non cambia il mio approccio, ogni pista per me e Aprilia è un foglio bianco su cui continuare il nostro lavoro".

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.