"Sì, il Gianco sono io". L'uomo  dei misteri della Lega. Soldi  russi, ecco chi era con Savoini

0

"Sì, Gianco è come mi chiamano gli amici qua, ma di questa storia non ne so nulla", dice Bruno Giancotti, imprenditore italiano residente a Mosca e a lungo una delle figure di riferimento dei leghisti in Russia. Il suo nome è infatti finito al centro del caso Russia-Lega, dopo essere stato intercettato nel colloquio all’Hotel Metropol di Mosca pubblicata da Buzzfeed. Mentre risultano ancora sconosciuti i tre russi che, parlando tra di loro, fanno riferimento a quanto detto da "Gianco" in merito a una serie di tecnicalità dell’operazione. Giancotti – fa sapere La Stampa – dice di non sapere nulla dell’incontro, di chi fossero i russi presenti e neppure di chi fossero i due italiani, Luca e Francesco, che hanno accompagnato Gianluca Savoini all’appuntamento.

L’imprenditore ammette sì di aver incontrato Savoini il giorno precedente, durante l’assemblea di Confindustria Russia e di averlo accompagnato spesso, assieme al suo socio, Claudio D’Amico – anche lui membro di Lombardia-Russia, attualmente consigliere di Matteo Salvini a Palazzo Chigi – ad incontri con politici e imprenditori russi. "Sono qua da 33 anni, quando sono arrivato c’era ancora l’Urss, pensi un po’. È ovvio che conosco molta gente. Ma di questo affare sul gasolio non so assolutamente niente". Eppure i tre russi lo citano parecchie volte, anche quando discutono di quale società interporre tra compratore (Eni, che però ha smentito) e venditore per realizzare la transazione. "Magari è qualcuno che mi ha chiesto un consiglio su come fare certe operazioni ma così in generale – ribadisce Giancotti -. Mi creda, non c’entro nulla con questa storia" conclude alla Stampa.

[ Fonte articolo: Libero Quotidiano ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.