"Carola un'eroina perché li ha portati in Italia". Sea Watch, menzogna della Boldrini: che caso, cosa "scorda" / Video

0

Siamo ad Agorà, il programma di approfondimento politico in onda su Rai 3. Si parla del caso Sea Watch 3 e ospite in studio c’è Laura Boldrini, la quale ovviamente si schiera con veemenza al fianco della ong, degli immigrati e della comandante Carola Rackete. La fu presidenta spiega che un caso come questo "si conclude quando le persone vengono lasciate in un porto sicuro". Dunque, aggiunge: "In Libia c’è la guerra, ci sono i morti, bombardamenti su ospedali e aeroporti. Ha fatto bene la capitana a non portare queste persone in un posto in guerra: allora sì che avrebbe violato le leggi internazionali". Peccato però che la Boldrini scordi di citare il fatto che Sea Watch 3 non abbia interpellato la Tunisia, ritenuta porto sicuro, e men che meno Malta, due approdi più vicini rispetto a Lampedusa. Ma l’obiettivo della ong è politico, è creare un caso attorno a Salvini, dunque arrivare in Italia. E questo, ovviamente, la Boldrini non lo dice. Infine, l’ex presidente dalla Camera, conclude aggiungendo: "Quindi certo che Carola Rackete è un’eroina, perché fino in fondo si assume le sue responsabilità. E mette il rispetto del diritto e la legge dell’umanità al primo posto", conclude.

[ Fonte articolo: Libero Quotidiano ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.