YouTube ha cambiato le sue regole sui video razzisti, negazionisti, discriminatori e che incitano all’odio

0

YouTube, la piattaforma di video controllata da Google, ha annunciato che da oggi inizierà a vietare ed eliminare video razzisti, discriminatori, negazionisti e che incitano all’odio. YouTube ha scritto in un comunicato a riguardo:

Oggi facciamo un altro passo contro l’incitamento all’odio [hate speech in inglese], proibendo video che sostengono che un gruppo sia superiore ad altri per giustificare discriminazione, segregazione o esclusione in base a età, genere, razza, casta, religione o orientamento sessuale.

Nel comunicato YouTube ha fatto direttamente riferimento a video che «promuovono o glorificano l’ideologia nazista» e a video che negano l’esistenza di eventi certi e ben documentati, come per esempio l’olocausto o la strage della scuola elementare di Sandy Hook, dove nel 2012 un ragazzo uccise 26 persone, tra i quali 20 bambini. YouTube ha spiegato che inizierà a applicare le sue nuove regole già da oggi ma che ci vorrà del tempo perché ogni video sia trovato, valutato ed eventualmente rimosso. Il comunicato non cita in modo diretto nessuno video o canale al momento online che sarà rimosso. La società parla anche di video “borderline”, cioé “al limite”, che continueranno a essere consentiti, ma anche in questo caso non vengono fatti chiari esempi a riguardo.

Il comunicato spiega anche che certi video che saranno rimossi saranno comunque conservati in altro modo, perché potrebbero servire in futuro a ricercatori o associazioni non governative per «capire e combattere l’incitamento all’odio».

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.