Maturità 2019: oggi la seconda prova

0

Dopo il tema, è il momento delle materie specifiche dei singoli corsi di studio, come latino e greco insieme al Classico e matematica e fisica allo Scientifico

La seconda prova della Maturità 2019 vede impegnati oggi circa 520mila studenti, con un compito in classe da svolgere basato sul tipo di istituto superiore che hanno frequentato e sul loro corso di studi. A differenza degli scorsi anni, quest’anno la seconda prova è un po’ diversa per i maturandi dei licei classici e scientifici, in seguito a una decisione del ministero dell’Istruzione di comprendere più materie nell’esame.

Per consuetudine, al liceo classico veniva proposto un anno una traduzione dal latino e l’anno seguente una dal greco, alternando le due materie. Da quest’anno, la seconda prova della maturità per il classico prevede invece che ci siano entrambe: gli studenti devono tradurre in italiano un testo latino, fare un confronto con un testo greco (già tradotto) e rispondere a tre domande su entrambi i testi.

Anche per i licei scientifici è cambiato qualcosa nella nuova seconda prova della Maturità. Al compito di matematica sono stati aggiunti quesiti di fisica, che di solito venivano compresi nella terza prova, ora abolita.

La seconda prova di Maturità comprende decine di varianti a seconda del tipo di scuola, soprattutto per quanto riguarda gli istituti tecnici, a differenza della prima prova che come al solito ha previsto tracce di temi uguali per tutti e che si è svolta ieri, mercoledì 19 giugno.

Secondo i dati del ministero dell’Istruzione, la traccia scelta dal maggior numero di studenti è stata quella sull’analisi e produzione di un testo argomentativo (tipologia B), partendo da un estratto del testo L’illusione della conoscenza di Steven Sloman e Philip Fernbach. La traccia è stata svolta dal 30,8 per cento dei maturandi, seguita da un 20 per cento che ha invece scritto un testo partendo dagli spunti offerti da un brano tratto da Istruzioni per l’uso del futuro di Tomaso Montanari.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.