Keith Raniere, fondatore e leader della setta Nxivm, è stato condannato

0

Keith Raniere, fondatore e leader della setta Nxivm (si pronuncia “Nexium”), è stato giudicato colpevole di tute le accuse a suo carico, tra cui traffico sessuale, racket, pedopornografia, estorsione e ostruzione alla giustizia. La pena che dovrà scontare verrà comunicata il 25 settembre.

Raniere aveva fondato Nxvim nel 1998 come società che vendeva corsi di auto-aiuto. In realtà, come rivelò in New York Times con un’inchiesta del 2017 e come hanno raccontato alcuni testimoni durante il processo, al suo interno c’erano dei sottogruppi che funzionavano come delle sette e le donne che vi partecipavano venivano umiliate in riti pubblici, marchiate a fuoco, costrette a digiunare per soddisfare gli ideali di magrezza di Raniere e ad avere rapporti sessuali con lui. Raniere era stato arrestato nel marzo del 2018, e nel corso del processo ha sempre negato le accuse che gli erano state rivolte, sostenendo che tutte le relazioni sessuali fossero consensuali.

«Questo processo ha rivelato che Raniere, che si è ritratto come un saggio e un genio, era in realtà un manipolatore, un truffatore e il capo di un’organizzazione criminale di culto coinvolta in traffico sessuale, pedopornografia, estorsione, aborti forzati , marchiature, degrado e umiliazione», ha detto il procuratore distrettuale Richard Donoghue ai giornalisti fuori dal tribunale.

(Elizabeth Williams via AP, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.