La Banca d’Italia ha abbassato le stime di crescita per il PIL

0

La Banca d’Italia, la banca centrale della Repubblica italiana, ha abbassato le sue stime sulla crescita del PIL nazionale per gli anni dal 2019 al 2021, preannunciando che a luglio potrebbe arrivare un ulteriore abbassamento. La Banca d’Italia ha previsto un aumento dello 0,3 per cento per il 2019, dello 0,7 per cento per il 2020 e dello 0,9 per cento per il 2021. La revisione al ribasso delle stime è dovuta, spiega Banca d’Italia, a una «maggior debolezza della domanda estera osservata negli ultimi mesi e il protrarsi di condizioni di elevata incertezza nei sondaggi presso le imprese». Nella precedente stima, fatta a gennaio, si era parlato di aumenti del PIL dello 0,6, dello 0,9 e dell’1 per cento.

La sede della Banca d’Italia a Milano (Gian Mattia D’Alberto / LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.