Aggressione a Roma: indagini, al setaccio i video

0

Una vittima operata: “Li denuncerò indossando questa maglietta”

Saranno le immagini delle videocamere di sorveglianza acquisite dalla Digos a fare chiarezza su quanto avvenuto due notti fa a Trastevere, quando quattro giovani sono stati aggrediti. Le vittime hanno raccontato di essere state circondate e picchiate perché indossavano la maglietta del Cinema America ritenuta dagli aggressori “un simbolo antifascista”. Nelle prossime ore sarà inviata ai pm di Roma una prima informativa redatta dai carabinieri. Al momento non è stato formalmente aperto alcun procedimento. Da oltreoceano arriva la condanna dell’aggressione da parte del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Noi combattiamo contro ogni genere di violenza, che siano comunisti, fascisti, allo stadio… Del resto io faccio il ministro che reprime la violenza, anche se hanno provato a darmi la colpa anche di questo episodio. Ma lasciano perdere, meno male che ero in volo così non mi sono innervosito…”.

    Per fare la denuncia, i ragazzi aspettano che esca dall’ospedale David, il più grave dei feriti che ha 20 anni e che oggi è stato operato al setto nasale: “Non appena mi dimetteranno andrò subito a sporgere denuncia e lo farò indossando la maglietta del Cinema America”, ha twittato con il pugno alzato e le garze sul naso dal suo letto al Fatebenefratelli. David Habib ha dichiarato che gli aggressori “erano di Roma Nord, uno di loro aveva un tatuaggio con 4 numeri romani sul braccio, un altro era rasato”. Intanto il leader del Piccolo America, Valerio Carocci, annuncia che “ci costituiremo parte civile e sosterremo le spese legali”.

[ Fonte articolo: ANSA ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.