Il governo russo ha ordinato a Tinder di dargli accesso ai dati degli utenti

0

Il 31 maggio il governo russo ha ordinato alla società che controlla l’app di incontri Tinder di condividere i dati dei suoi utenti e i messaggi che si scambiano fra loro – audio e video compresi – con le autorità governative e i servizi segreti, come già aveva fatto con quattro altre app di incontri e molti altri servizi online. Finora già 175 servizi hanno acconsentito a condividere informazioni con i servizi segreti per continuare a lavorare in Russia; tra i servizi che si sono rifiutati c’è l’app di messaggistica cifrata Telegram, che per questo è stata vietata in Russia anche se di fatto viene ancora usata. Nella lista dei servizi a cui è richiesto di fornire dati al governo non ci sono WhatsApp e Messenger, l’app di messaggistica di Facebook.

Non è chiaro se le richieste del governo russo a Tinder si riferiscano ai soli dati degli utenti russi o a quelli di tutti gli utenti dell’app. Tinder ha detto che per ora non ha condiviso nessun dato con le autorità russe, ma non ha detto se lo farà in futuro o meno.

(Joe Raedle/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.