Due petroliere potrebbero essere state attaccate nel Golfo dell’Oman

0

Se fosse confermato, sarebbe il secondo attacco di questo tipo nel giro di un mese: i due equipaggi sono stati soccorsi e sono al sicuro

Due petroliere sono state evacuate dopo la segnalazione di un incidente nel Golfo dell’Oman, di cui non si conoscono ancora le cause: l’equipaggio ora si trova al sicuro, ha scritto Haaretz citando sue fonti. Le due petroliere coinvolte sono la Front Altair, battente bandiera delle Isole Marshall, e la Kokuka Courageous, battente bandiera di Panama. Reuters e AP hanno scritto che potrebbero essere state attaccate, ma per ora non si hanno maggiori informazioni.

La Quinta Flotta della marina militare statunitense, che ha la sua base di supporto in Bahrein, ha detto di avere ricevuto richieste di soccorso dagli equipaggi delle due petroliere alle 6.12 e alle 7 ora locale e di avere prestato assistenza. Secondo la stampa iraniana, anche navi della Marina dell’Iran avrebbero soccorso i due equipaggi, portando in salvo 44 persone, che si troverebbero ora sull’isola iraniana di Jask.

Il Golfo dell’Oman si trova vicino allo Stretto di Hormuz, una passaggio di grande importanza strategica attraversato da una parte significativa del greggio prodotto in Medio Oriente. Da anni lo Stretto è zona di grandi tensioni tra Iran e Stati Uniti.

Se fosse confermato, l’attacco non sarebbe il primo nella regione. Lo scorso 12 maggio quattro petroliere che si trovavano al largo degli Emirati Arabi Uniti furono attaccate da un «attore statale», come lo definì il governo emiratino. Gli Stati Uniti dissero che il responsabile era l’Iran, accusandolo di voler alzare la tensione nel Golfo Persico: il governo iraniano negò le accuse.

Dopo la diffusione della notizia del presunto attacco, il prezzo del petrolio è aumentato del 4 per cento.

(Andrew M. Meyers/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.