La settimana del Ftse Mib inizia sopra la parità

0
La settimana del Ftse Mib inizia sopra la parità

(Fotogramma)

Dopo un rosso di quasi 10 punti percentuali a maggio, il mese di giugno a Piazza Affari inizia con una performance positiva. Questo nonostante le tensioni in arrivo da Roma, dove il premier Giuseppe Conte ha indetto una conferenza stampa che inizierà a breve. Secondo le indiscrezioni raccolte nei palazzi romani, il primo ministro si appresta a chiedere una maggiore autonomia nelle trattative con le autorità europee.

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

In un simile contesto, lo spread non fa registrare variazioni di rilievo a 277 punti base mentre il Ftse Mib si è fermato a 19.874,24 punti, +0,36% rispetto al dato precedente. Il continuo stato di tensione sulla carta italiana anche oggi si è riversato sul comparto bancario dove UniCredit ha terminato in calo di mezzo punto percentuale (-0,51%), Intesa Sanpaolo ha segnato un -0,43% e Banco BPM ha lasciato sul parterre l’1,55%.

+0,58% di STM nel giorno in cui la tedesca Infineon ha lanciato un’offerta di acquisto per la californiana Cypress Semiconductor a 23,85 dollari per azione. L’offerta, che valuta complessivamente la società circa 9 miliardi di dollari (debito compreso), incorpora un premio, prendendo a riferimento la chiusura di Cypress di venerdì, di quasi 34 punti percentuali. “L’accordo valuta Cypress circa 21 volte l’Ebit e 22 volte l’Eps (utile per azione), rispetto a 16 -17 volte gli stessi multipli applicati al settore e rispetto a 11-14 volte di STM, pur avendo un’esposizione di mercato sostanzialmente simile, con una minore crescita ma una maggiore redditività”, hanno rilevato gli analisti di Websim. Quindi, “vediamo una lettura positiva da un punto di vista valutativo per l’industria dei chip e per STM”.

Nel comparto energetico, +2,27% di Saipem, +2,84% di Tenaris e +1,77% per Eni. Oggi il cane a sei zampe ha annunciato una collaborazione con Toyota Motor Italia per accelerare la diffusione della mobilità ad idrogeno in Italia. La prima fase del progetto prevede l’apertura di un punto di rifornimento di idrogeno presso la nuova stazione di servizio Eni a San Donato Milanese.

Nel comparto auto, focus su FCA (-0,56%) alla vigilia del Consiglio di amministrazione di Renault chiamato a valutare l’offerta di fusione avanzata dalla casa italo-statunitense. Secondo le indiscrezioni circolate nel corso della seduta, l’offerta potrebbe essere arricchita da una clausola per fissare a Parigi la sede del gruppo e da un dividendo straordinario per i soci della casa francese. (in collaborazione con money.it)

"); }
else
{ document.write("

 

"); }

[ Fonte articolo: ADNKRONOS ]