Sequestrate 1.600 auto in 6 paesi Ue, 40 indagati e 10 arresti

0

Valore 13 milioni di euro, intestate a sei prestanome e usate per compiere furti, rapine e altre attività illecite in tutta Europa

Sequestro tra l’Italia e in altri nove paesi dell’Ue di 1.600 autovetture, per un valore complessivo di 13 milioni di euro, intestate a sei prestanome di nazionalità romena e usate per compiere furti, rapine e altre attività illecite in tutta Europa. Il blitz è compiuto anche in Romania, Spagna, Germania, Francia, Bulgaria, Austria, Svizzera, Ungheria e Polonia con il supporto della polizia dei rispettivi stati coinvolti. La misura è eseguita dai Carabinieri del Comando provinciale di Venezia.

Il sequestro delle auto costituisce la prosecuzione di un’attività investigativa nei confronti di un gruppo criminale composto da oltre 40 soggetti appartenenti a minoranza rom romena, che ha consentito all’Arma di dare esecuzione a 10 ordinanze di custodia cautelare (otto in carcere, di cui una minore, una agli arresti domiciliari, un divieto di dimora), emesse dai gip di Venezia e Verona, nonché del Tribunale per i minorenni di Venezia. I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza stampa alle 10.30 presso il Comando Carabinieri, a cui parteciperà anche un funzionario Europol.

   Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di falsità in atti mediante induzione in errore del pubblico ufficiale. Sono inoltre accusati della commissione di vari reati, in particolare rapine e furti con destrezza ai danni perlopiù di anziani, con la sottrazione di preziosi e/o orologi di pregio (in gran parte rolex), mediante la cosiddetta “tecnica dell’abbraccio”. Alcuni degli arrestati sono stati localizzati e fermati negli ultimi giorni in Spagna e Inghilterra su mandato di arresto Europeo grazie anche alla collaborazione delle forze di polizia estere, attivate attraverso la cooperazione Europol. È stata accertata la responsabilità in 102 episodi commessi nelle regioni del centro-nord Italia e in Spagna. Gli indagati su quest’ultimo fronte sono accusati di concorso in rapina, furto con strappo, furto aggravato. 

[ Fonte articolo: ANSA ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.