Rugby, Pro14: Treviso beffata a Limerick, il sogno sfuma a 3' dal termine

0

Un calcio di punizione impossibile centrato da Hanrahan ribalta la situazione a favore degli irlandesi nel tempio di Thomond Park: finisce 15-13

LIMERICK – L'impresa di Treviso svanisce a 3 minuti dal termine, con un calcio di punizione impossibile centrato da Hanrahan: da metà campo, e su dubbia chiamata di Nigel Owens. Ma il club veneto, che ha condotto per quasi tutta la partita e meritava il successo nel tempio di Thomond Park – col primo stupore degli irlandesi che si è presto trasformato in terrore autentico -, non si è comunque arreso. Anzi. Ha ricominciato a macinare gioco, e per 2 volte ha provato a ribaltare il risultato: Rizzi e Hayward hanno fallito altrettanti drop. Munster ha così segnato più punti (15-13), ma sul campo sono i veneti ad avere vinto. Che peccato. Il Benetton Treviso chiude comunque in maniera empatica una straordinaria stagione: i quarti di finale raggiunti in Guinness Pro14 sono un risultato storico.

Si poteva raggiungere il paradiso del rugby, restano comunque un torneo da incorniciare e una giornata indimenticabile. Il Munster, favoritissimo al fischio d'inizio, dopo aver provato inutilmente ad aprire una breccia nella difesa dei biancoverdi era andato in vantaggio al 23' con una punizione di Bleyendaal cui però Allan aveva risposto solo 3 minuti più tardi. I ragazzi di Kieran Crowley sono andati davanti sul tabellino allo scadere del primo tempo con una meta della monumentale ala figiana, Ratuva. Ancora Allan ha ingrassato il punteggio fino ad un incredibile 10-3. Nella ripresa la provincia irlandese ha naturalmente cercato di forzare i tempi. La Red Army non aveva però fatto i conti con la determinazione dei veneti, che hanno restituito colpo su colpo fallendo addirittura alcune buone occasioni per aumentare il gap a loro favore. Grazie a 3 punizioni concesse da Owens – contro una sola, marcata da Allan – il Munster si è rifatto sotto fino al discutibile, decisivo episodio. La reazione di Treviso è stata insieme impressionante e commovente, non si era mai vista una squadra italiana giocare con tanta energia e qualità. I 25.000 presenti allo stadio – con larga rappresentanza ospite – hanno vissuto con trepidazione i momenti finali. Gli irlandesi passano il turno, Treviso ci riproverà dal prossimo settembre: e merita di fare ancora meglio.

Munster-Benetton Treviso 15-13 (3-10)
Marcatori: 23' pt cp Bleyendaal, 26' cp. Allan, 40' meta Ratuva tr. Allan; 4', 20' st cp Bleyendaal, 20' cp Allan, 23' e 37' cp Hanrahan.
 Munster: 15 Mike Haley, 14 Andrew Conway, 13 Chris Farrell, 12 Rory Scannell, 11 Darren Sweetnam, 10 Tyler Bleyendaal, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Chris Cloete, 6 Peter O'Mahony, 5 Tadhg Beirne, 4 Jean Kleyn, 3 Stephen Archer, 2 Niall Scannell, 1 Dave Kilcoyne. A disposizione: 16 Kevin O'Byrne, 17 Jeremy Loughman, 18 John Ryan, 19 Billy Holland, 20 Arno Botha, 21 Alby Mathewson, 22 JJ Hanrahan, 23 Dan Goggin
Benetton Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon, 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Toa Halafihi, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Marco Lazzaroni, 3 Marco Riccioni, 2 Luca Bigi, 1 Nicola Quaglio. A disposizione: 16 Hame Faiva, 17 Derrick Appiah, 18 Tiziano Pasquali, 19 Irné Herbst, 20 Dean Budd, 21 Tito Tebaldi, 22 Antonio Rizzi, 23 Alberto Sgarbi
Arbitro: Nigel Owens

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.