Mondiali Biathlon, Hofer-Wierer incantano,:è argento nella single mixed

0

Per l'Italia è la terza medaglia a Oestersund: la coppia azzurra si posiziona alle spalle della Norvegia, bronzo per la Svezia. Sabato entrambi impegnati nella staffetta

OESTERSUND – L'Italia conquista la terza medaglia ai mondiali di biathlon ad Oestersund, in Svezia. Dopo il bronzo della staffetta mista e l'argento di Lisa Vittozzi nell'individuale, la coppia composta da Lukas Hofer e Dorothea Wierer si prende un ottimo argento nella single mixed. Con questo successo la 28enne di Brunico tocca quota sette in carriera e diventa l'atleta italiana più medagliata di sempre tra Olimpiadi e Mondiali.

ORO ALLA NORVEGIA

La medaglia d'oro va alla Norvegia e Johannes Boe deve condividere i meriti con Marte Olsbu Roeiseland, mentre il bronzo è della Svezia con Hanna Oeberg e Sebastian Samuelsson, distanziati di 20 secondi. La gara comincia con Denise Herrmann, Julia Simon e Marte Olsbu Roeiseland che provano a prendere il largo arrivando al poligono con 5-6 secondi di vantaggio sulle inseguitrici, ma dopo il tiro la differenza si azzera, con Dorothea Wierer che torna nel gruppo di testa nonostante un errore e dopo la serie in piedi, chiusa con un pazzesco shooting time, dà il primo cambio a Lukas Hofer al comando. L'altoatesino è bravissimo a terra e con uno zero rapidissimo torna davanti scavalcando Johannes Boe, mentre i due errori in piedi lo fanno scivolare in quinta posizione a 13″4 dall'ucraino Pidruchnyi, dietro anche al francese Guigonnat, all'austriaco Eder e al tedesco Lesser. Il capolavoro lo fa Dorothea Wierer nella prima serie della terza frazione: arriva con 12 secondi di ritardo da Herrmann, passa davanti a tutte con un altro cinque su cinque. Un bersaglio lo manca in piedi così, al cambio, è seconda appena dietro la norvegese Roeiseland e davanti alla svedese Hanna Oeberg. Sono gli errori di Herrmann e Simon a fare la differenza, perché di fatto in ultima frazione c'è davanti un terzetto fortissimo sugli sci che continua a guadagnare sugli inseguitori: il norvegese Johannes Boe, l'azzurro Lukas Hofer e lo svedese Samuelsson. L'altoatesino ha il doppio merito, prima di usare la testa al poligono, prendendosi i suoi tempi per sparare e trovando lo zero, poi di restare incollato a Boe sugli sci, mentre Samuelsson, costretto a una ricarica, perde terreno.

SABATO LA STAFFETTA

Hofer va all'attacco di Boe nel giro successivo, ma al poligono il norvegese, sempre in difficoltà in piedi in questi Mondiali, trova lo zero che lo lancia verso il trionfo, ma dietro di lui c'è proprio l'azzurro che dopo l'unico errore all'ultimo poligono (comunque ininfluente, perché sugli sci non avrebbe sorpassato il campione norvegese) libera la propria gioia al traguardo per un meraviglioso argento. E ora si gode un po' di riposo, come la Wierer: entrambi torneranno in pista sabato 16 marzo per le due staffette. Comunque vada l'Italia ha già battuto il record di podi in una sola edizione di Coppa del Mondo arrivando a quota 19. Ma con le quattro gare che mancano a Oestersund e la tappa finale di Oslo il bottino può diventare ancora più grande.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.