Sassari, ecco Pozzecco: ''Posto magico, mi troverò bene''

0

Il 'Poz', che ha preso il posto in panchina di Esposito, è già carico: ''Società sana, mi è sempre piaciuta questa atmosfera''. Esordio venerdì contro Venezia in Coppa Italia: ''La squadra è competitiva''

SASSARI – "Questo è un posto magico, penso che qui mi troverò bene". E' ufficialmente iniziata l'era di Gianmarco Pozzecco sulla panchina della Dinamo Sassari. L'ex tecnico della Fortitudo è stato presentato alla stampa dopo esser stato scelto al posto del dimissionario Vincenzo Esposito.

"SEMPRE APPREZZATO QUESTA ATMOSFERA" – "Sono estremamente contento di iniziare a far parte di questa famiglia perché è una cosa che covavo già da tempo. Ho sempre apprezzato l'atmosfera che si respira qui a Sassari da quando facevo il commentatore. Questa è una società sana, una mosca bianca nel panorama sportivo attuale", le parole di un Pozzecco già carico. Una battuta anche sul suo predecessore: "Non so quali siano le motivazioni personali che hanno spinto Enzo Esposito alla sua scelta, sicuramente una scelta da grande uomo quale lui è. Io adesso devo guardare al futuro".

ESORDIO IN COPPA ITALIA – Il tempo da dedicare alle chiacchiere è minimo: Pozzecco sarà alle prese con un esordio tutt'altro che facile, venerdì a Firenze nel quarto di finale contr Venezia alla Final Eight di Coppa Italia. Ma non c'è alcuna paura: " La Dinamo è una squadra forte che può dire la sua. Io entro in corsa e la prima partita che mi aspetta è una sfida da vivi o muori. In tre giorni è impossibile cambiare le cose, quindi la squadra che andrà in campo sarà per forza di cose la squadra di Esposito. Non mi spaventa allenare una squadra che non ho allestito io. Questa è una squadra competitiva, per cui non sono preoccupato".

SARDARA: "NO SOLUZIONE TAMPONE" – "Non è una scelta tampone". Così il presidente della Dinamo, Stefano Sardara, ha dato il benvenuto al nuovo coach. "Poz è un allenatore in crescita. In questo momento noi dobbiamo rimetterci in pista in poco tempo per cui, un allenatore che ha carisma, talento, personalità: l'abbiamo ritenuta la scelta più ovvia". Sull'addio di Esposito: "Lo ringrazio per il lavoro fatto. Non entro nel merito della scelta perché come sapete sono scelte personali. In quanto tali vanno accettate e rispettate anche se ci dispiace e tanto, anche perché siamo a ridosso delle Final Eight".

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.