Al via in Spagna il processo ai separatisti catalani

0

Tra le accuse quelle di ribellione, disobbedienza civile ed appropriazione indebita di fondi pubblici in relazione all’organizzazione del referendum per l’indipendenza della Catalogna nell’ottobre 2017. Grande assente l’ex presidente catalano, Carles Puigdemont, fuggito in Belgio

Condividi

Al via presso la Corte Suprema spagnola il processo a 12 leader separatisti chiamati a rispondere della convocazione ed organizzazione, nell’ottobre 2017, del referendum sull’indipendenza della Catalogna, ritenuto illegale da Madrid.

Tra le accuse quelle di ribellione, disobbedienza civile ed appropriazione indebita di fondi pubblici in relazione all’organizzazione del referendum.

La procura chiede 25 anni di reclusione per l’ex vicepresidente della regione Oriol Junqueras, tra i 16 ed i 17 anni per gli altri imputati, tra cui figurano ex ministri del governo regionale. Grande assente l’ex presidente catalano, Carles Puigdemont, fuggito in Belgio.

In Spagna l’evento catalizza l’attenzione. Oltre a Junqueras, gli accusati sono gli ex consiglieri Jordi Turull, Josep Rull, Joaquim Forn, Raul Romeva, Dolores Bassa, Santi Vila, Carles Mundò e Meritxell Borràs; l’ex presidente del Parlamento Carme Forcadell e i rappresentanti delle associazioni sovraniste Anc e Omnium Cultural, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart.

Tra i circa 600 testimoni che dovranno essere ascoltati, anche l’ex premier Mariano Rajoy, al governo al momento del referendum. Il processo dovrebbe durare circa tre mesi. I separatisti hanno definito il procedimento una ‘farsa’ e hanno organizzato una manifestazione a Barcellona in serata.

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.