Silvio Berlusconi: "In molti mi rimpiangono, questi sono inadeguati"

0

"Volete sapere cosa sta succedendo? Con questo governo, con questi grillini, in molti mi rimpiangono. Mi rimpiangono perchè questi sono inadeguati", così esordisce in un'intervista a Repubblica Silvio Berlusconi lanciando l'idea di un governo con la Lega e i fuoriusciti del Movimento.

L'ex presidente del Consiglio dice di essere "contrario da sempre all'uso politico della giustizia verso chicchessia. Lo sono naturalmente anche in questa occasione", cioè nel caso dell'autorizzazione a procedere contro Salvini sul caso Diciotti. "Non credo che Salvini potrebbe restare al governo con chi non appoggiasse la sua azione, condivisa – almeno a parole – anche dal Presidente del Consiglio e dai ministri grillini. Sono però curioso di vedere se i parlamentari Cinque Stelle saranno disposti a rinnegare quello che hanno sempre affermato sulla necessità di concedere 'sempre' le autorizzazioni a procedere. La loro politica giustizialista è un grave pericolo per la libertà di tutti gli italiani" dice l'ex premier.

Berlusconi prova a spaccare il governo: "Dialogo con senatori M5s" 

Berlusconi: "Governo Lega-M5s è innaturale"

"Non ho posto ultimatum – dice poi Berlusconi sul governo – ma un fermo invito a porre fine a una formula di governo innaturale assolutamente negativa per gli italiani. Il centro-destra peraltro governa bene in molte regioni importanti e in centinaia di comuni e vincerà, unito, le elezioni regionali e amministrative nei prossimi mesi". "Molti affermano che nel Parlamento, dopo la caduta di questo governo, emergerà una maggioranza diversa da quella attuale, in grado di sostenere un governo del centro-destra senza passare da elezioni" dice Berlusconi.

Silvio Berlusconi si ricandida quindi alle prossime elezioni europee, dice che "non ne può fare a meno" e che l'esecutivo gialloverde "è ormai sull'orlo di un baratro. Economico e politico". Secondo gli ultimi sondaggi, Forza Italia non arriva al 10 per cento dei consensi: un calo netto rispetto alle elezioni del 4 marzo 2018 e la constatazione che al volante del centrodestra (o di quel che ne resta, perché le alleanze locali Forza Italia-Lega in alcune zone sono a rischio da quando Salvini e Di Maio hanno stretto il patto che li ha portati al governo) non c'è più Silvio Berlusconi.

Conte saluta Berlusconi al Quirinale, ma l'ex premier lo ignora

Migranti, Berlusconi: "Bene Salvini, ma si può fare meglio"

Berlusconi aggiunge che Salvini "fa bene a fermare un traffico vergognoso di essere umani", ma che si può fare meglio. "Eviterei però di creare casi umanitari con inutili sofferenze – continua – Il nostro governo ottenne gli stessi risultati senza gesti così controversi. Attraverso accordi con la Libia, con gli altri Paesi costieri e Paesi di origine. Nel 2010 arrivarono in tutto in Italia 4400 migranti, esattamente quanti ne arrivarono in un solo fine settimana estivo nel 2016 con la sinistra al governo".

Berlusconi si dice poi molto preoccupato per la situazione venezuelana, e di essere in contrasto con la posizione pro -Maduro espressa dall’amico Vladmir Putin. "Io mi auguro che Maduro si faccia da parte al più presto e che ai venezuelani si consentito di scegliere liberamente e legittimamente un nuovo presidente. Quello di Maduro è un regime illiberale e pauperismo di sinistra, con molte inquietanti somiglianze a ciò che i 5 stelle vorrebbero realizzare in Italia".

salvini berlusconi archivio ansa-2

[ Fonte articolo: TODAY ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.