Aste Bolaffi, appuntamento a Torino

0

Il 17 novembre nel Garage Bolaffi vanno all'incanto vetture storiche, ricambi e memorabilia dagli Anni '60 al Duemila. E ce n'è per tutte le tasche

Nuova opportunità di aggiudicarsi un pezzo di storia su quattro ruote con la seconda asta organizzata da Aste Bolaffi “Auto classiche. Youngtimers e memorabilia”. Appuntamento il 17 novembre al Garage Bolaffi in corso Verona, a Torino, per la vendita all’incanto di 36 autovetture storiche che abbracciano un periodo temporale che va dagli Anni ’60 al Duemila, e oltre duecento lotti di memorabilia, molti a firma Stile Bertone, tra cui ricambi, vetri e parabrezza di prototipi, cechi, gomme, poster, insegne, modelli di stile, un motore Lamborghini Espada 12 cilindri e un tecnigrafo a pantografo degli anni di Gandini.

Tra i trentasei gioielli a quattro ruote per tutti i gusti che si potranno acquistare all’incanto nell’asta Bolaffi spiccano, in ordine cronologico, la rara “camionetta” Alfa Romeo Matta del 1951 (18-22 mila euro), una Fiat Nuova 500 Sport del 1959 (stima 55-65 mila euro), una Daimler SP 250 Dart cabrio del 1963 (stima 50-65 mila euro), una Fiat Dino 2000 coupé Bertone del 1968 con motore Ferrari (stima 50–60 mila euro), un’Alfa Romeo Junior Z 1300 Zagato del 1970 (stima 50–60 mila euro) e un’Alfa Romeo Montreal del 1971, restaurata con estrema cura è stata riverniciata con la sua livrea originale color arancio e ha gli interni in pelle originali dell’epoca (stima 70-85 mila euro). Dalla storia più recente arrivano una BMW M635 CSI del 1985 (stima 60-70 mila euro), una Porche 911 Carrera 4 del 1991, ancora con la sua prima vernice e certificata ASI Targa Oro (stima 60–70 mila euro), una Lancia Delta Integrale Evoluzione 1 sempre del 1991 (stima 60-70 mila euro), e una Ferrari 456 M Pininfarina del 1999 (stima 70-80 mila euro).

Da segnalare, infine, anche la Fiat Punto Cabrio Bertone del 1995, numero 000001, la prima della produzione di serie, che, con una stima tra i 4 e i 6mila, euro può essere accessibile anche ai neo-collezionisti. Un pezzo di storia da mettere in garage e conservare con cura. “Si pensa sia stata utilizzata per un periodo da Nuccio Bertone in persona, che volle montare i sedili in pelle. Immatricolata a nome della storica carrozzeria di Grugliasco, l’auto ha la capote in tessuto, utilizzata solo per i primi sette esemplari”, specificano dalla casa d’aste.

Tantissimi i lotti di memorabilia, pezzi di ricambio, modelli di stile e prototipi Stile Bertone, per tutte le tasche, che saranno battuti a Torino il 17 novembre, tra cui meritano una menzione speciale quelli della Lamborghini Countach (stima 1.500-2.400 euro) e della Lamborghini Athon (stima 1.500-3 mila euro).

Si tratta di “un’asta trasversale con pezzi molto interessanti dal punto di vista collezionistico – ha dichiarato Filippo Bolaffi, amministratore delegato Aste Bolaffi -, ma anche accessibili per giovani amatori, appassionati e restauratori. Con questa vendita apriamo inoltre al mondo dei memorabilia automobilistici, creando un primo appuntamento che vorremmo ripetere il prossimo autunno, dopo l’asta di primavera dedicata alle auto classiche e importanti, che si terrà nuovamente presso la Pista di Arese il 24 maggio, in concomitanza con il Concorso d’eleganza Villa d’Este”. Per un’anteprima si può consultare il catalogo online sul sito ufficiale astebolaffi.it. (s.b.)

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.