Barcellona, Valverde: "Mi aspetto la miglior Inter, Messi da valutare"

0

L'allenatore dei catalani non scioglie il dubbio sulla presenza in campo dell'argentino nel match di San Siro contro i nerazzurri: "In allenamento sta facendo vedere cose positive ma non dobbiamo metterlo in condizione di farsi male un'altra volta"

MILANO – Tutto giro intorno a Leo Messi. La vigilia del Barcellona alla partita di domani sera con l’Inter passa inevitabilmente dagli aggiornamenti sul recupero del suo numero 10. La Pulce è convocata ma con la postilla dell’ormai famoso asterisco che rimanda alla necessità della valutazione finale da parte dei medici blaugrana sulla guarigione della frattura del radio del braccio destro.

Anche la conferenza stampa di Valverde a San Siro diventa un lungo esercizio di domande alla ricerca di qualche dettaglio in più sulle condizioni del fuoriclasse argentino. L’ultima decisione sarà presa domani mattina. Al momento sembra probabile che Messi parta dalla panchina per entrare nel secondo tempo se l’andamento della partita lo richiederà.

Valverde, come sta Messi?
“Aspettiamo di vedere come va l’allenamento. Leo è disponibile. Ma ovviamente deve giocare solo con la sicurezza di non correre rischi di farsi nuovamente male. Ci sono quattro possibilità: può giocare dal primo minuto, andare in panchina ed entrare, andare in panchina e non entrare oppure andare in tribuna. Vediamo”.

È necessario recuperare Messi?
“Davvero mi fate questa domanda? – resta un po’ stupito Valverde – certo che è necessario. Quanto meno per essere uno in più”.

È più importante per l’Inter recuperare Nainggolan o per il Barcellona recuperare Messi?
“L’allenatore dell’Inter dirà Nainggolan, io dico Messi. Ogni tecnico difende i suoi giocatori. Ma non contano solo le individualità. Noi e l’Inter siamo due squadre a cui piace dominare il gioco. Entrambe cercheremo di controllare la manovra. Certo, Nainggolan è un giocatore molto importante perché trasmette energia ai compagni. Ha tiro, si inserisce e pressa molto alto. Ma l’Inter ha fatto bene anche senza Nainggolan nelle ultime partite”.

Si aspetta un’Inter diversa rispetto a quella dell’andata a Barcellona?
“Sarà aggressiva, con l’identità ancora più marcata che deriva dal fatto di giocare nel proprio stadio”.

Domani sarà fondamentale vincere per arrivare primi nel girone pensando già alla fase a eliminazione diretta?
“Sarà importante vincere e basta senza fare troppi ragionamenti. Al momento non ci sono ancora squadre qualificate. In generale posso dire che è una buona situazione arrivare alla quarta partita del girone con una classifica così”.

Il Barcellona dà l’impressione di soffrire nella Liga più che in Champions.
“Soffriamo quando la partita è difficile. Non dipende dalla competizione. E domani sarà difficile perché stiamo vedendo che genere di partite sta facendo l’Inter”.

Spalletti ha detto che invidia il Barcellona che vince facendo solo 10 minuti di riscaldamento pre-partita e non facendo ritiri alla vigilia.
“Se fosse così, potrebbe fare anche lui 10 minuti di riscaldamento. Scherzi a parte, ogni squadra ha la sua routine”.

Ha già in mentre come fermare Icardi?
“Noi cercheremo di fare il nostro gioco. E l’Inter farà lo stesso. Certo, ci sarà attenzione per Icardi e Nainggolan, ma credo che la partita sarà decisa a favore di chi riuscirà a dominare il gioco”.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.