Napoli, Hamsik non molla: ''La Juve non è invincibile''

0

Il capitano azzurro lancia la sfida ai bianconeri: ''Mancano tante partite, speriamo di raggiungerli''. Un occhio anche alla Champions: ''Che sfida contro il Liverpool, ora il Psg''. E Albiol medita sul futuro: ''Non so dove finirò la carriera''

BRATISLAVA – "La Juventus non è invincibile, da qui alla fine mancano tante partite, speriamo di raggiungerli". Se per molti i bianconeri hanno già ammazzato il campionato con 8 vittorie su 8, Marek Hamsik non ha intenzione di alzare bandiera bianca e, con parole degne della fascia di capitano del Napoli, lancia la sfida a Ronaldo e compagni.

"CHE SFIDA CONTRO IL LIVERPOOL" – Dal ritiro della Nazionale slovacca, Hamsik parla anche di come stia cambiando la Serie A: "La Juventus si è rinforzata parecchio, ma ci sono anche la Roma e le due milanesi. E' un campionato molto combattuto". Nella bagarre ovviamente anche il Napoli, che allo stesso tempo vuole dire la sua in Champions. "Marekiaro" torna sul successo di una settimana fa contro il Liverpool: "Loro sono una squadra incredibilmente forte in attacco e noi non abbiamo concesso nemmeno un tiro in porta, è stata una grande prestazione. Purtroppo nella prima partita non siamo riusciti a vincere a Belgrado e questi due punti persi potrebbero pesare alla fine. Nella prossima giornata affronteremo il Psg che, come il Liverpool, ha un grande potenziale offensivo. Ma sappiamo contro chi giochiamo e cosa dobbiamo fare e prima avremo altre gare a cui pensare". Con Ancelotti è passato da mezzala a perno centrale del centrocampo: "Sono un centrocampista offensivo, da una vita sono abituato a segnare e giocare più dietro è una novià' per me. Ma sono un calciatore a cui piace tenere la palla per cui non vedo dov'è il problema".

ALBIOL E IL FUTURO – "A Napoli ho trovato tranquillità e fiducia, mi sono sentito bene fin dai primi giorni e sono cresciuto tanto in quanto ad esperienza, stagione dopo stagione: ora sono felice e mi sento a casa". Così Raul Albiol in un'intervista rilasciata al media spagnolo La Razon ha parlato della sua esperienza nel capoluogo campano. Parole al miele, ma futuro ancora incerto: "Non so ancora se finirò la mia carriera in Italia, in Spagna o altrove. Quello che posso dire è che Napoli mi ha dato tanto, qui sono cresciuto molto come calciatore ed è grazie agli azzurri se sono tornato in Nazionale".

Il difensore spagnolo ha poi fatto un bilancio di questo inizio di stagione del Napoli: "Vincere è la cosa più difficile, fare il passo finale, proprio come accade in campo dove far l'ultimo passaggio e il gol è la cosa più complicata. Abbiamo fatto delle grandi stagioni, ma senza vincere – ha detto Albiol – Ogni anno la squadra cresce e vogliamo proseguire su questa strada con Ancelotti. Abbiamo un bel gruppo, come di consueto in questi ultimi anni. Non se n'è andato nessun giocatore, ne sono venuti degli altri, ma siamo un gruppo unito. Dobbiamo lavorare collettivamente perché non abbiamo giocatori individualmente di primo livello che possono vincere le partite da soli".

NIENTE NAZIONALE PER KOULIBALY – Intanto il Napoli ha reso noto che Kalidou Koulibaly salterà gli impegni con il Senegal a causa di un affaticamente muscolare.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.