Ford mette un freno a guida contromano con Wrong Way Alert

0

Su nuova Focus debutta sistema di sicurezza a prova di errore

ROMA – Con Wrong Way Alert, la Ford propone un nuovo dispositivo elettronico per la sicurezza di utilizzo del veicolo che promette di mettere un freno al rischio della guida involontaria contromano, in particolare in autostrada. Il sistema è al debutto in questi giorni sulla nuova Focus e per il momento viene offerto ai clienti dell’Ovale blu austriaci, tedeschi e svizzeri.
Il WWA nasce come evoluzione della tecnologia Traffic Sign Recognition che permette al cervellone di bordo di riconoscere i cartelli stradali, grazie a un software specifico che interpreta le immagini catturate da una telecamera montata sul parabrezza per scansionare costantemente l’area antistante la macchina. Lo stesso occhio elettronico, chiarisce il Costruttore, può essere utilizzato in abbinamento alle informazioni ottenute dal sistema di navigazione della vettura, per indicare ”al conducente di fermarsi o invertire il senso di marcia, mediante avvisi acustici e visivi, proiettati sia sul computer di bordo sia sull’Head-up display, nel caso in cui si oltrepassino due segnali di ‘senso vietato’ su una rampa di accesso per strade a scorrimento veloce o autostradale”. Un errore che può verificarsi magari per nebbia, scarsa illuminazione o, più semplicemente, per mancanza di indicazioni adeguate. ”I conducenti più stanchi, confusi dalla segnaletica stradale non chiara, o che guidano in condizioni di maltempo – sottolinea Jan Guesten, Development Engineer, Driver Assistance Technologies di Ford Europa – possono più facilmente imboccare la strada sbagliata, per accorgersi solo dopo di aver messo in pericolo se stessi e la vita di altre persone”. Con Wrong Way Alert vengono avvertiti immediatamente dell’errore e possono arrestare il veicolo prima di creare pericoli irrimediabili.  

[ Fonte articolo: ANSA ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.