Le spine elettriche nei vari Paesi del mondo

0

Nel mondo, ogni Paese – o quasi! – ha un suo standard per le prese di corrente (e dunque, per le rispettive spine). Ecco perché è accaduto e perché forse sarà sempre così.

Spine e prese elettriche non seguono uno standard internazionale: se viaggiate molto lo saprete bene, se state per partire, attenzione, perché è possibile che la spina dei vostri apparecchi non sia compatibile con le prese che troverete. Ogni Paese (o quasi) ha infatti il “suo” tipo e qualcuno anche più di uno…

 

Il brevetto di uno dei primi sistemi di presa di corrente elettrica, con attacco a vite, realizzato dall’americano Harvey Hubbell. | Wikimedia

<!–

 

–>

All'inizio fu la vite. La prime vere spine elettriche apparvero in Gran Bretagna a fine ’800, mentre l’americano Harvey Hubbell brevettò altri modelli nel 1904 negli Usa.

 

Fino a quel momento nelle case la corrente era impiegata prevalentemente per l’illuminazione e i primi elettrodomestici venivano collegati alla rete elettrica con un attacco a vite, come quello delle lampadine.

I nuovi sistemi, invece, rispondevano all’esigenza di rendere i collegamenti più pratici e sicuri.

 

$Nj.New(“GO44575”, “gallery_over”, 44575,”#paese-che-vai-prese-e-spine-elettriche-che-trovi”,”https%3A%2F%2Fwww.focus.it%2Ftecnologia%2Ftecno-prodotti%2Fpaese-che-vai-prese-e-spine-elettriche-che-trovi”,null); <!–

 

–>

 

Solo più tardi arrivò la spina con tre lamine, che prevedeva il collegamento di terra necessario per prevenire il pericolo di scosse. Negli anni successivi in (quasi) ogni Paese i progettisti svilupparono modelli tenendo conto più delle tecnologie disponibili che della possibile incompatibilità con i sistemi impiegati all’estero.

 

In futuro? sempre uguale! Ancora negli anni Cinquanta, per esempio, la Gran Bretagna creò un suo standard che ignorava completamente quelli in uso altrove. E lo stesso capitò in altri Paesi. Ma anche dopo che viaggiare è diventato un fenomeno di massa (e questa “bizzarria” tecnologica si è trasformata in un vero problema pratico), ognuno ha continuato a sviluppare il proprio tipo di spina, soprattutto per ragioni economiche, anziché puntare su uno standard comune. 

 

Arriverà mai, un giorno, la spina universale? Difficile, in realtà. Anche se tutti i Paesi dovessero mettersi d’accordo, resterebbe il problema della corrente, che, anche quella, non è la stessa in tutto il mondo. Per ragioni legate alla disomogeneità tra tensioni e intensità, chi viaggia molto continuerà ad avere a che fare come minimo con due spine: una per i 110 volt, con le lamine piatte, e una per i 240 volt, con gli spinotti cilindrici.

 

$Nj.New(“GO36627”, “gallery_over”, 36627,”#gaffe-paesi-usanze-strane”,”https%3A%2F%2Fwww.focus.it%2Fcultura%2Fcuriosita%2Fgaffe-paesi-usanze-strane”,null); <!–

 

–>

 

 

[ Fonte articolo: Focus ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*