Ansia e caldo: un binomio esplosivo

0

Caldo e afa sono arrivati, e molte persone che soffrono d’ansia tremano all’idea di camminare per la strada sotto il sole e di respirare aria umida e bollente. Come riuscire a far fronte a questa situazione? Ce ne parla la Dott.ssa Flavia Massaro

var sw = document.documentElement.clientWidth, isTouch = “ontouchstart”in window||navigator.msMaxTouchPoints>0, device = sw>900&&!isTouch?”desktop”:980>sw&&sw>670||sw>980&&isTouch?”tablet”:”smartphone”; if (device == ‘tablet’) document.writeln(”);

Ansia e caldo: un binomio esplosivo

Caldo e afa sono arrivati, e molte persone che soffrono d’ansia tremano all’idea di camminare per la strada sotto il sole e di respirare aria umida e bollente. Questo periodo dell’anno può essere molto difficile per gli ansiosi: l’aria si surriscalda e spesso è molto umida e mantiene vicine al suolo le sostanze inquinanti che concorrono a formare una cappa a volte irrespirabile, specialmente nelle zone poco ventilate e molto inquinate. Come riuscire a far fronte a questa situazione? Ce ne parla la Dott.ssa Flavia Massaro

Yoga contro l'ansia, ecco le posizioni migliori per combattere lo stress

Quali sono i fattori principali che in estate possono generare stati di ansia?

In estate, una serie di fattori climatici concorrono a creare delle condizioni che di fatto “mimano” gli effetti dell’ansia: sensazione di respirare poco e male, capogiri, eccessiva sudorazione e così via. Si tratta di effetti che possono verificarsi anche nel caso di persone che non hanno particolari disturbi o vulnerabilità, ma quando colpiscono un ansioso possono essere dirompenti e innescare un circolo vizioso: gli effetti fisici del caldo afoso sono scambiati per sintomi d’ansia e innescano la vera e propria sintomatologia ansiosa.

Video: la dieta per combattere l'ansia

Per fare un esempio, l’ansioso che inizia a sentirsi mancare l’aria si spaventa e attribuisce questa sensazione all’ansia invece di pensare che può essere determinato da fattori oggettivi. A quel punto in lui può scatenarsi un vero e proprio attacco di panico anche quando, in assenza di quei fattori, non si sarebbe scatenato

Come affrontare questa situazione?

Per far fronte a questa situazione è utile evitare tutto quello che può far peggiorare il disagio percepito nella stagione calda: no a cibi grassi e troppo piccanti, sì ad una dieta leggera e ricca d’acqua e ad abiti che permettano la traspirazione e la dispersione del sudore. Sono consigliabili anche l’assunzione di sali minerali e l’utilizzo dei rimedi naturali disponibili in erboristeria, come l’eleuterococco, oltre al monitoraggio della pressione arteriosa che, abbassandosi, può concorrere a determinare alcuni fastidi come i capogiri

Come superare la paranoia e il panico che possono assalirvi dopo un party

E da un punto di vista psicologico?

Dal punto di vista psicologico intervenire nel momento più critico può essere meno agevole ed è preferibile che chi soffre d’ansia si rivolga ad uno psicologo prima di arrivare ad un livello di sofferenza insopportabile e cronicizzato. E’ comunque possibile intervenire efficacemente anche quando caldo e afa determinano il peggioramento dell’ansia o la sua comparsa.
Alcune tecniche di rilassamento impiegate in seduta, infatti, sono utili in tutte le situazioni, e lo psicologo può affiancare la persona ansiosa ricostruendo la “storia del sintomo” e individuandone le cause e le emozioni correlate per impostare un intervento personalizzato. L’importante è non arrendersi al malessere e non pensare che non ci sia via d’uscita: la sopportazione di un disagio che può essere risolto è inutile e, nel caso dei mesi estivi, non permette di godere delle belle giornate e anche delle meritate vacanze, col risultato di produrre stress invece che relax

Con moderazione il sole è anche fonte di benessere, scopri come sfogliando le immagini della gallery qui sotto

gpt native-middle-foglia-benessere

//ADD CLASS TO VERTICAL IMAGE $(window).load(function(){ $(‘.gallery-img-container figure img’).each(function(){ var $this = $(this); if ($this.get(0).naturalWidth < $this.get(0).naturalHeight) { $this.parents('.gallery-format-control').addClass('vertical'); } else if ($this.get(0).naturalWidth < 600) { $this.parents('.gallery-format-control').addClass('horizontal filo'); } else { $this.parents('.gallery-format-control').addClass('filo'); } }); }); $(document).ready(function () { if ($(‘.jq-orionGalleryItemInitializer’).length > 0) { $(‘.jq-orionGalleryItemInitializer’).not(‘.jq-cover-oriongallery’) .attr(‘data-photo-md5’, ‘ff69bb5bccd8a766d0d8846abd20e855’) .attr(‘href’, ‘/foto_gallery/bellezza/benefici-del-sole/un-colorito-piu-sano.html’).addClass(‘jq-cover-oriongallery’); } });

gpt native-bottom-foglia-benessere
gpt inread-benessere-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»

[ Fonte articolo: Pianetadonna ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*