La nave Diciotti è a Trapani ma i 67 migranti sono ancora a bordo

0

Dalla prefettura della città non è ancora arrivata l’autorizzazione allo sbarco: due sono indagati dalla polizia, ma non per dirottamento

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

Alle 15 di giovedì la Diciotti, la nave militare della Guardia costiera su cui si trovano i 67 migranti soccorsi domenica dalla Vos Thalassa, è arrivata nel porto di Trapani, in Sicilia. I migranti a bordo, però, non sono ancora sbarcati perché la prefettura della città non ha dato l’autorizzazione necessaria. Due di loro, il sudanese Ibrahim Bushara e il ghanese Hamid Ibrahim, sono indagati per violenza privata in concorso continuata e aggravata, ai danni del comandante e dell’equipaggio della Vos Thalassa. La polizia ha però escluso il reato più grave di cui si era parlato in relazione al loro comportamento sulla Vos Thalassa, quello di dirottamento, che era stato ipotizzato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Leggi anche: La storia dei migranti a bordo della Diciotti, dall’inizio

Secondo le ricostruzioni pubblicate dai giornali, i due migranti indagati si sarebbero ribellati all’equipaggio della Vos Thalassa – che poi aveva chiesto l’intervento della Guardia costiera – dopo aver scoperto che la nave si stava dirigendo verso la Libia, nei cui campi per migranti sono frequenti e attestati omicidi, stupri e in generale violazioni dei diritti umani.

Salvini, che si trova a in Austria per un incontro con i suoi omologhi austriaco e tedesco, ha scritto su Twitter: «Sto aspettando di sapere se sulla nave Diciotti ci sono delinquenti. Da Ministro e da cittadino prima di far sbarcare chiunque, vorrei sapere chi c’è a bordo!». Le organizzazioni umanitarie che lavorano nel mar Mediterraneo, tra cui l’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di rifugiati, hanno invece chiesto che i migranti vengano fatti sbarcare dando la precedenza ai minorenni e alle persone «vulnerabili».

Nel frattempo, oggi altri migranti sono stati soccorsi in mare e portati in Sicilia: 60 sono stati prelevati dalla Guardia di Finanza su una barca a vela che navigava verso Noto, 23 invece al largo di Lampedusa.

Mostra commenti ( )

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.