La Commissione Europea ha abbassato le stime di crescita per l’Europa, l’Italia continua a essere il paese che cresce meno

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

La Commissione Europea ha abbassato le sue stime di crescita per l’Europa rispetto a quelle precedenti pubblicate lo scorso maggio. Secondo la Commissione, i 28 paesi dell’Unione Europea cresceranno del 2,3 per cento nel 2018 e del 2,1 per cento nel 2019, rispetto al 2,5 e al 2,2 per cento stimati in primavera per lo stesso periodo. Il paese che crescerà di più sarà l’Irlanda, con un tasso di crescita stimato al 5,6 per cento nel 2018. Quello che cresce più lentamente è l’Italia, che secondo le nuove stime crescerà nel 2018 dell’1,3 per cento, rispetto all’1,5 stimato in precedenza, e poi dell’1,1 nel 2019, rispetto all’1,2 della stima primaverile. Secondo la Commissione, le ragioni principali del rallentamento sono due: le tensioni commerciali, in particolare quelle con gli Stati Uniti, e l’aumento del prezzo del petrolio.

(AP Photo/Markus Schreiber)

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*