MotoGp, Assen; Rossi: “Punto al podio, ma test sono stati deludenti“. E Lorenzo vuole il tris

0

In vista della sfida sul circuito olandese, Valentino non mostra troppo ottimismo: "Marquez è un po' lontano, purtroppo. Non vuole mica dire che mi arrendo o non ci provo". Lo spagnolo cerca la terza affermazione consecutiva

ASSEN – "Siamo tutti lì. Tutti, tranne Marquez. Che è un po' lontano, purtroppo. Non vuole mica dire che mi arrendo o non ci provo, anzi. Quest'anno ho fatto delle belle gare, sono salito sul podio ed è stato bello: ma solo terzo, non troppo lontano e non troppo vicino". Valentino e la Cattedrale della Velocità: "Ad Assen ci ho vinto 3 volte nella seconda parte della mia carriera, quella della Ducati. Spero di essere competitivo anche questa volta, il tempo dovrebbe essere soleggiato e niente pioggia. Però..". Però? "Ci vuole un passo in avanti, non c'è più tempo: i giapponesi della Yamaha mi dicono che sì, sono d'accordo, ma intanto mi tocca ancora aspettare".

Il test di Barcellona è stato deludente. "Nessun miglioramento, anche qui correrò con la stessa moto". Dicevano per il gp di Germania poteva arrivare qualcosa di nuovo ed importante a livello di elettronica, ma l'impressione è che il Doc dovrà attendere ancora. "Forse se ne riparla nella seconda parte della stagione, per i test di Brno". Il rischio è che nel frattempo Marquez faccia il vuoto dietro di sé, a meno che Rossi domenica… "È un campionato molto diverso da quel che pensavo, per i risultati miei e degli altri. Ancora non l'ho capito, diciamo che assomiglia a quello del 2014: con Marc che va un po' più forte degli altri ma io sono lì, e faccio podi".

OAS_RICH(‘Bottom’); LORENZO PUNTA AL TERZO SUCCESSO – Jorge Lorenzo, non c'è il due senza il tre. "Magari, dove posso firmare?", sorride il maiorchino. Che negli ultimi anni non è mai andato moto forte su questa pista, ma dopo i due successi consecutivi con la Ducati punta sempre più in altro. "Da quando mi sono rotto la clavicola con la pioggia, il circuito non mi è mai andato molto giù. Ma questa volta ci sarà il sole, la Rossa non è mai andata così forte e allora ci sono tutte le circostanze per fare bene: non vedo grandi problemi per la nostra moto". Il gran momento del 5 volte campione del mondo sta creando imbarazzi a Borgo Panigale? "No, abbiamo festeggiato al box e speriamo di farlo ancora. Certo, molti avrebbero voluto che il mio rapporto continuasse però le cose sono andate in un altro modo". Qualcuno comincia a pensare che Lorenzo può ancora giocarsi al mondiale. "Marquez è molto lontano, ma è vero che io a questo punto non ho nulla da perdere. Lui invece sì. E noi abbiamo una moto completa, io poi sono in gran forma".

DOVI: "POSSIAMO FARE BENE". IANNONE OTTIMISTA – È un Dovizioso positivo e motivato quello che si appresta a vivere un fine-settimana decisivo per la stagione. "Lo scorso anno a metà gara ero il più rapido: una novità, viste le passate esperienze in Olanda con Ducati. Da domano spero di confermarmi e magari fare meglio, anche perché quest'anno abbiamo dimostrato che la velocità c'è: con una premessa così, il morano non può che essere alto. Però dobbiamo migliorare nei dettagli ed imparare ad adattarci alla nuova Michelin posteriore, che è diversa dal 2017". Iannone confida nel sole: "Su di un circuito del genere, meglio guidare con il tempo buono: l'ultima volta il feeling era buono, adesso abbiamo pure un potenziale niente male. Sarà importante essere costanti dopo 8-10 giri dal via".

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*