Scacco matto a Savona: così non gli resta più niente “Golpetto“ del collega ministro: come gode Mattarella

0

La bandiera del prof. Paolo Savona si sta lentamente ammainando sotto i colpi del suo stesso governo. Partito come il nome esplosivo per il ministero dell’Economia, è passato per le forche caudine delle pressioni incrociate tra Quirinale, Unione europea e minacce dei mercati internazionali. Quando poi è nato il governo Conte, Savona aveva accettato il ministero per gli Affari europei, un ripiego evidente peggiorato da altre privazioni. Al professore è stata tolta la delega per i Fondi europei alla coesione, affidati al ministro per il Sud, la grillina Barbara Lezzi, che altrimenti non avrebbe avuto un senso in vita sua.

leggi anche: Savona: "La Germania di oggi replica modello nazista", siete d’accordo?

incrementAdvImpression(598);

Gli scippi sotto il naso di Savona potevano fermarsi lì, ma il pirotecnico governo giallo-verde ne riserva sempre una nuova. Come riporta la Stampa, Savona è uscito sconfitto anche dall’ultimo conflitto interno. Su pressioni della Farnesina, quindi del ministro Enzo Moavero Milanesi, Savona è stato tenuto fuori dal Consiglio affari generali dell’Ue, organo che si occupa di preparare le riunioni del Consiglio europeo, previsto a fine giugno, e decide sul bilancio. Il ministro degli esteri ha voluto riportare quelle delege a sé, togliendole quindi a Savona, che ora resta non solo ministro senza portafoglio, ma ormai senza deleghe.

[ Fonte articolo: Libero Quotidiano ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*