Vivere in due metri quadrati

0

Foto delle micro-case di Ho Chi Minh, in Vietnam, e di chi le abita

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

Il mese scorso il fotografo Thanh Nguyen ha realizzato per l’agenzia AFP un servizio fotografico sulle persone che vivono in case di pochissimi metri quadrati, da due a poco più di sei, a Ho Chi Minh, in Vietnam. Sul blog dei corrispondenti di AFP, Thanh Nguyen ha spiegato di aver visitato l’area dei distretti 1 e 4 qualche mese fa, vedendo per la prima volta queste micro-case nascoste nei vicoli e “incastrate tra bancarelle di cibo di strada e negozi”, al punto da poter passare inosservate a un osservatore distratto.

Le foto mostrano praticamente piccole stanze con ammassato di tutto: coppie e famiglie ci vivono affacciate sull’uscio di casa e sono state ritratti mentre cucinano, pettinano le nipotine o guardano la tv. Molti preferiscono vivere in quelle condizioni piuttosto che trasferirsi fuori da Ho Chi Minh, dove avrebbero più spazio, per mantenere il proprio lavoro e continuare a usufruire dei servizi della città.

.single-post-new article figure.split-gal-el .photo-container .arrow::after { content: ‘ FOTO’; }

#gallery-6 { margin: auto; } #gallery-6 .gallery-item { float: left; margin-top: 10px; text-align: center; width: 20%; } #gallery-6 img { border: 2px solid #cfcfcf; } #gallery-6 .gallery-caption { margin-left: 0; }

Per fotografarli Thanh Nguyen ci ha messo circa due settimane, di cui la prima per visitare la zona, conoscere le persone e spiegare loro il suo progetto, cercando di entrarci in confidenza. Ha spiegato che il primo giorno in cui ha scattato le fotografie è stato un po’ imbarazzante, perché ancora non si fidavano completamente, ma dalla volta successiva ha funzionato meglio anche grazie all’idea di portare alcune delle foto già scattate e regalarle ai soggetti. Nguyen ha parlato anche della difficoltà fisica di scattare foto in uno spazio così ristretto e degli espedienti che ha utilizzato, come arrampicarsi su una scala e usare una macchina fotografica poco ingombrante.

Mostra commenti ( )

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*