Tre giornalisti che indagavano sui soldi della Lega sono stati fermati dalla Guardia di Finanza e interrogati

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

Tre giornalisti, Ferruccio Sansa del Fatto Quotidiano, Marco Preve di Repubblica e Matteo Indice della Stampa, sono stati interrogati per tre ore in caserma dalla Guardia di Finanza di Bolzano. I tre giornalisti sono stati sentiti su richiesta della Procura di Genova in merito ad alcuni articoli relativi ai presunti flussi finanziari della Lega (cioè questa storia: si sospetta che la Lega abbia nascosto 3 milioni di euro che dovevano essere sequestrati, trasferendoli all’estero), senza che ne sia chiaro il motivo. Il comportamento delle autorità è stato criticato da un comunicato diffuso dalla Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi), dall’Associazione ligure giornalisti, dall’Ordine ligure dei giornalisti e dal Gruppo cronisti liguri, che hanno scritto: «Sorprende la scelta “muscolare” di magistratura e polizia giudiziaria, il loro tentativo di imbavagliare l’informazione e imbrigliare la libertà di stampa».

Vincenzo Livieri – LaPresse

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*