La procura di New York ha fatto causa alla Trump Foundation, chiedendo a un giudice di scioglierla

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

La procura di New York ha fatto causa alla Trump Foundation, la principale fondazione legata al presidente statunitense Donald Trump, chiedendo a un giudice di scioglierla. L’accusa rivolta a Trump e ai suoi figli, che hanno gestito la fondazione insieme a lui, è avere usato i fondi per cause diverse dalla beneficenza: in due casi per esempio i soldi della fondazione sono stati usati per pagare dei patteggiamenti in casi giudiziari che riguardavano gli affari della famiglia Trump. In tutto questo i soldi della Trump Foundation non venivano da Trump – che fra il 2008 e il 2015 non ha donato nemmeno un dollaro alla sua fondazione – ma da donatori privati, e la famiglia Trump li usava come fossero suoi. La Casa Bianca non ha commentato la richiesta della procura ma Trump su Twitter l’ha definita «ridicola». Le accuse contro la Trump Foundation sono molto circostanziate; il giornalista che se ne è occupato di più, David Farenthold del Washington Post, ha vinto un premio Pulitzer per la sua indagine.

(Win McNamee/Getty Images)

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*