Incidenti lavoro, Di Maio: bollettino di guerra, cultura sicurezza parta da Partecipate dello Stato

0

“Come governo dobbiamo metterci al lavoro” afferma il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, “no più leggi, ma rispetto delle norme esistenti”

Condividi

14 giugno 2018

Sugli incidenti sul lavoro i dati indicano “numeri devastanti”, di “un bollettino di guerra”. Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, iniziando l’informativa in Aula alla Camera sugli incidenti sul lavoro.

Un “tema importantissimo, su cui dobbiamo metterci al lavoro come governo”, ha affermato. In tribuna, a seguire l’informativa, siede il segretario della Cgil Susanna Camusso. A lei il ministro lancia indirettamente un messaggio: “Non è alimentando il conflitto tra imprese e lavoratori che aumenteranno i diritti dei lavoratori, è il momento di fare squadra”.

“Sicurezza, ma no misure punitive per le aziende”
Non penso che la sicurezza sul lavoro si garantisca “scaricando sulle imprese oneri e responsabilità, ovvero solo attraverso misure punitive” ha aggiunto Di Maio, “Bisogna rafforzare la vigilanza e i controlli nei luoghi di lavoro”.

“La cultura della sicurezza deve partire dalle Partecipate dello Stato”
Se la sicurezza sul lavoro deve essere “una cultura, questa cultura deve partire innanzitutto dalle aziende partecipate dallo Stato” ha aggiunto il ministro, ricordando che l’ultima vittima sul lavoro c’è stata ieri sera in un appalto Fincantieri.

“Almeno 1.000 assunzioni di ispettori”
“Nei prossimi 5 anni il personale ispettivo subirà un dimezzamento, per potenziare la vigilanza” si dovrà procedere “all’assunzione di almeno 1.000 unità ed è nostro interesse farlo” ha spiegato Di Maio.

“No più leggi, ma rispetto delle norme esistenti”
“Non è con più leggi e ancora più leggi che otterremo il risultato di tutelare i lavoratori. E’ l’opposto: le norme esistenti le lasciamo, ma adesso è il momento di farle rispettare e di premiare chi le rispetta” ha concluso il vicepremier e ministro al Lavoro e allo Sviluppo economico.

Al termine dell’informativa, i deputati hanno osservato un minuto di silenzio in memoria di tutte le vittime sul lavoro.

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.