Di Maio: presto il taglio alle pensioni d'oro. Arriva il “decreto dignità“

0

Sul reddito di cittadinanza entro il 2019, il ministro del Lavoro, nonchè vicepremier spiega: “Sto prendendo confidenza con la macchina dei ministeri, spero di non trovare intoppi”. Poi, spiega: “Io e Salvini siamo una strana coppia, ma siamo animati dalla voglia di fare bene”

Condividi

14 giugno 2018La speranza è che il provvedimento sulle pensioni d’oro arrivi “il prima possibile”. Così Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, ospite di Rtl 102,5: “In questi 80 giorni la Camera, con il presidente Fico, ha scritto una delibera storica sul taglio ai vitalizi per gli ex parlamentari”.

“Iniziamo da un atto storico interno alla Camera e poi trasferiamo lo stesso principio per le pensioni sopra i 5.000 euro netti per tutti coloro che non hanno versato i contributi ma hanno una pensione d’oro e quindi devono avere una pensione per i contributi che hanno versato”, conclude Di Maio. E sul reddito di cittadinanza entro il 2019 dice: “lo spero. Sto prendendo confidenza con la macchina dei ministeri, spero di non  trovare intoppi”. Poi, incalzato sul rapporto instaurato con Matteo Salvini, replica: “Io e Salvini siamo una strana coppia, ma siamo entrambi animati dalla voglia di fare bene. Leggo considerazioni sul fatto che Salvini  mi stia fregando. Io voglio passare innanzi tutto per una brava persona, non per qualcuno che frega la gente. Siamo impegnati su fronti diversi, chi farà bene aiuterà il Paese non è una competizione”. 

Primo decreto che farò si chiamerà ‘decreto dignità’
“Il primo decreto che farò si chiamerà ‘decreto dignità’, con quattro punti” – dice ancora Di Maio – “Conterrà quattro norme: la prima per le imprese, eliminando le scartoffie, spesometro e redditometro, poi una norma sulla delocalizzazione delle imprese, perché non esiste che te ne vai all’estero se prendi soldi dall’Italia. Terzo punto è la lotta alla precarietà, riducendo il rinnovo dei contratti a tempo indeterminato. Quarto, infine,  è il contrasto al gioco d’azzardo”, conclude Di Maio.

Rai: diremo ‘no’ a lottizzazione
“Sulle prossime nomine Rai siamo d’accordo, nel governo, che non ci deve essere lottizzazione” – dice Di Maio – spiegando che l’obiettivo sarà di “premiare il merito con meccanismi di merito: lo faremo individuando i migliori profili, con persone che non devono essere legate alle forze politiche del governo”.

Ilva: Taranto ha diritto a respirare aria pulita
“Ho incontrato i commissari di Ilva l’altroieri sera – sottolinea Di Maio – Ora incontrerò tutte le parti che fanno parte della vertenza. Tutte le decisioni saranno prese col massimo della responsabilità, i cittadini di Taranto hanno il diritto di respirare aria pulita”. 

Tav? Potrebbe non servire più
“Nel contratto abbiamo scritto che c’è una riconsiderazione totale del progetto. Mi auguro che il ministro Toninelli possa discutere con il suo omologo francese. Il punto, per come è cambiato il traffico merci, è che oggi potrebbe non servire più”, spiega Di Maio.

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*