Salvini, vittoria totale: “Non sarà che l’Italia…“. Rivoluzione Aquarius, così l’Europa trema

0

Sul caso della nave Aquarius lo scontro non è soltanto tra Italia e Francia ma anche in sede europea, dove sono su posizioni opposte pure Spagna e Paesi dell’est. Insomma, la trattativa sull’emergenza immigrati nel summit dei capi di Stato e di governo dell’Ue in programma il 28 e 29 giugno si preannuncia molto tesa. 

E ora la paura, rivela il Corriere della Sera in un retroscena, è che l’Italia trasformi la sua "riserva" in un blocco del pagamento della seconda tranche, tre miliardi, destinati dall’Ue alla Turchia per trattenere i rifugiati siriani e iracheni diretti principalmente in Germania, perché vuole che siano invece investiti sulla rotta del Mediterraneo centrale che porta immigrati in Italia.

incrementAdvImpression(598);

Dalla parte dell’Italia si è detto l’austriaco Sebastian Kurz: "Non tutti coloro che subiscono una persecuzione nel mondo possono trovare una vita migliore in Europa. Dobbiamo proteggere le frontiere esterne e offrire e ampliare l’aiuto sul posto. Dobbiamo decidere noi chi arriva in Europa e non gli scafisti". Il premier ungherese Viktor Orbán ha addirittura garantito a Salvini l’appoggio anche degli altri Paesi di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia).

Spaccata la Germania: Angela Merkel vuole arrivare a un compromesso nel summit mentre i suoi alleati bavaresi preferiscono i respingimenti di Salvini. Il ministro dell’Interno tedesco, il bavarese Horst SeehoferDal Viminale ha espresso la sua "piena sintonia" e ha invitato il collega leghista a Berlino per concordare "la presentazione di una proposta comune sulla protezione delle frontiere esterne anche per non perdere ulteriore tempo". 

[ Fonte articolo: Libero Quotidiano ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.