Serie B, indagine su Spezia-Parma. Il club emiliano replica: “Nessuna irregolarità“

0

La procura federale ha ascoltato Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo che, prima del match contro i liguri, hanno inviato sms sospetti agli avversari. La società gialloblù: "L'indagine dimostrerà la nostra correttezza".  Balata: "Fiducia nella giustizia sportiva"

ROMA –  Un'inchiesta su Spezia-Parma, gara valida per l'ultima giornata del campionato di Serie B. Vinsero 2-0 i crociati che, grazie al pareggio interno del Frosinone contro il Foggia, conquistarono il secondo posto alle spalle dell'Empoli e quindi la promozione diretta nel massimo campionato. Nei giorni scorsi la procura federale ha ascoltato due giocatori della squadra ligure e due dirigenti (l'ad Micheli e il team manager Pinto), ieri, come confermato dalla società emiliana, due giocatori del Parma, Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo.

PARMA: "INDAGINE DIMOSTRERA' NOSTRA CORRETTEZZA" – Al centro dell'indagine ci sono gli sms tra giocatori prima della partita. Per questo motivo lo Spezia ha informato la procura federale che ha aperto un'attività investigativa già prima della gara, continuando le audizioni. Proprio su quelle di Ceravolo e Calaiò si concentra oggi il comunicato del Parma che rassicura i tifosi e rivendica il comportamento corretto di tutti i suoi tesserati. La società conferma che i due attaccanti "sono stati ascoltati ieri pomeriggio a Roma dalla Procura Federale. A entrambi è stato semplicemente chiesto conto di due messaggi di testo, inviati a loro ex compagni di squadra in forza allo Spezia nei giorni precedenti la gara – sottolinea il Parma -. Il tenore dei testi di cui il Parma ha potuto prendere visione nelle ultime ore – e che non riportiamo esclusivamente per rispetto del lavoro degli organi che hanno il compito di approfondire l'accaduto – non contiene alcun tipo di irregolarità o malizia, come già chiarito dai nostri tesserati e come siamo certi verrà accertato anche dagli organi preposti"

OAS_RICH(‘Bottom’); BALATA: "FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA SPORTIVA" –  "Su questo "caso Parma" non ne so nulla, ho letto quello che c'è sui giornali, non posso far altro che esprimere la massima fiducia nella giustizia sportiva e sperare che il tutto venga chiarito il più rapidamente possibile, altro non posso dire". Questo il commento del presidente della Lega di Serie B, Mauro Balata, ai microfoni di Radio Sportiva in merito all'indagine su Spezia-Parma. "L'inizio della mia presidenza è stato caratterizzato da una serie di eventi, dalla crisi federale, alla questione diritti tv, ora questa indagine… il nostro dovere è quello di affrontare ogni problema con serenità e gli approfondimenti necessari e cercando di dare risposte certe", sottolinea Balata che si sofferma su un campionato che, crede "sia piaciuto a tutti, è stato avvincente e si è contraddistinto per gli altissimi contenuti tecnici e i tantissimi giovani che hanno giocato crescendo in termini caratteriali e tecnici, molti dei quali presenti poi nelle nostre rappresentative".

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*