Trionfo Italia femminile, va al Mondiale: Portogallo battuto 3-0

0

Dopo 20 anni azzurre qualificate, saranno in Francia nel 2019

FIRENZE – Ci sono storie che hanno il lieto fine. Che riescono a commuovere e a prendersi la ribalta sportiva e mediatica dopo anni di sacrifici, insulti, discriminazioni (anche da parte dei massimi dirigenti). C’è un mondo, quello del calcio femminile, che oggi può finalmente esultare e urlare con tutto il fiato il ritorno della Nazionale italiana ai Mondiali di calcio. L’Italia ce l’ha fatta e contro il Portogallo (3-0 il risultato finale) ha mostrato il perché di un’impresa che certifica un percorso netto da parte delle azzurre del c.t. Milena Bertolini, ex calciatrice di assoluto livello e allenatrice di club chiamata in sella alla nazionale dopo l’esperienza di Cabrini. Sette vittorie su altrettante gare disputate nel girone di qualificazione. Diciotto reti messe a segno e soltanto due subite. Nessuna rivale all’altezza dell’Italia nel suo girone, conquistato con una gara di anticipo. E così le azzurre voleranno in Francia dal 7 giugno al 7 luglio 2019 a distanza di venti anni dall’ultima volta. Nel mezzo il vuoto, o quasi. Prima del riscatto e della sempre maggiore attenzione da parte delle istituzioni, dei media, dei tifosi in generale. 

 
GIRELLI, SALVAI E BONANSEA EROINE DELLA SERATA – Un’Italia che andrà ai Mondiali dunque c’è. E al Franchi di Firenze la formazione di Bertolini ha impiegato soltanto 4’ per passare in vantaggio. Su calcio d’angolo di Giugliano, Girelli di testa batte Patricia Morais e fa esplodere di gioia tutte le compagne, compresa la panchina. Una manciata di minuti e al 13’ il raddoppio di Salvai, brava a ribadire in rete dopo una palla contesa dal portiere del Portogallo su angolo della solita Giugliano. Nella ripresa un numero di Bonansea, che dopo aver saltato le avversarie a centrocampo ha poi colpito la traversa, ha strappato gli applausi dei 6.500 spettatori. Al 90' la rete del 3-0, firmata proprio da Bonansea. Poi soltanto la festa, lunga tutta una notte.
OAS_RICH(‘Bottom’);

 RIVINCITA CONTRO I PREGIUDIZI – Quella che riporta le azzurre nella rassegna mondiale dopo anni di pura passione, sogni infranti e tanta rabbia. Come quando l’allora presidente della Lega Nazionale Dilettanti Felice Belloli, soltanto tre anni fa, dichiarò: “Basta, non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche”. Parole inaccettabili e follemente offensive. Dalle quali però il movimento femminile è ripartito, con l’orgoglio di chi non si è mai piegato ai pregiudizi. E in questi anni ha decisamente rialzato la testa. Adesso la Serie A conta società al top di proprietà, come nella massima serie maschile. La Juventus ha vinto l’ultimo scudetto e la Fiorentina Women’s, un anno fa, è stata tra precorritrice conquistando il campionato e aprendo la strada anche agli altri club. Che adesso investono e per regolamento sono obbligati ad avere una società al femminile. Si parla dell’approdo del Milan, mentre la qualità delle calciatrici cresce e nascono sempre più scuole calcio nelle città e nelle periferie. E poi il percorso di transizione dai dilettanti ai professionisti che è ancora in pieno svolgimento. Soltanto con quel passo la spinta verso l’equiparazione tra calcio femminile e calcio maschile, almeno in termini di diritti, potrà dirsi avviato. Ma questo è il momento di festeggiare. E rendere merito a una formazione che non si è mai arresa. Così come sempre nello spirito delle calciatrici. Passione, grinta e orgoglio. L’Italia al femminile è al Mondiale. 
 

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*