Rugby, tour estivo: Italia dilaga contro Yamaha Jubilo

0

La nazionale di O'Shea supera il Club della Top League per 19-52 all'U Stadium di Nagano. Otto le mete totali per gli azzurri, quattro per tempo. Gli impegni nel Paese de Sol Levante proseguiranno il 9 e il 16 giugno con due sfide contro il Giappone

NAGANO – L'Italia ha battuto 52-19 il club della Top League giapponese Yamaha Jubilo nel primo impegno del tour estivo. Otto le mete azzurre all'U Stadium di Nagano, quattro per tempo. Lo staff tecnico ha sfruttato la prima uscita in terra nipponica, in vista del doppio test-match del 9 e 16 giugno contro il Giappone, per testare tutti la rosa di atleti disponibili.

PADRONI DI CASA AVANTI MA REAZIONE ITALIA – Nel primo tempo partono subito forte i padroni di casa, che al 6′ sono già in meta con Kiyohara, abile ad andare in mezzo ai pali sfruttando una situazione di gioco rotto, McGahan trasforma per il 7-0. Passano due minuti e si fa male Furser, rimpiazzato da Zanni. Al 13′ finalmente si vede l'Italia, grazie a un'invenzione di Minozzi, il quale lancia Violi, che può schiacciare in meta: Allan non trasforma e si resta sul 7-5. La difesa di casa sbanda, passa un minuto e l'Italia sorpassa: grande azione personale di Steyn, che dai 22 avversari arriva fino a 5 metri dalla linea di meta, Minozzi raccoglie e completa l'opera andando in meta. Stavolta Allan non sbaglia e gli azzurri passano a condurre 7-12. Il club nipponico però non molla e al 24′ passa nuovamente a condurre grazie a Kiyohara. McGahan trasforma e la compagine del Sol Levante passa a condurre 14-12. Al termine dell'azione è costretto a lasciare il campo anche capitan Ghiraldini, sostituito da Bigi. Gli azzurri tornano in vantaggio al 26′ dopo una bella combinazione tra Minozzi, Morisi e Benvenuti, con quest'ultimo che va a marcare ancora: Allan trasforma per il 14-19. Alla mezz'ora i padroni vanno a marcare per il pari al 38′, sfruttando una palla persa dagli azzurri in mezzo al campo con Yatomi che ne approfitta e vola in meta. Mc Gahan non trasforma e si resta sul 19-19. Allo scadere però Bellini schiaccia ancora in meta ed Allan trasforma per il 19-26 con il quale si va al riposo.

OAS_RICH(‘Bottom’); L'ITALIA DILAGA – Nella ripresa, al 49′ è già meta Italia grazie a Ruzza che sfrutta un'ottima idea di Minozzi, abile a lanciarlo con un calcio che scavalca l'estremo avversario. Canna trasforma per il 19-33. Andata oltre il break, la selezione azzurra amministra, arrotondando ancora il punteggio al 60′ con Bisegni, bravo a marcare dopo una lunga azione d'attacco italiana per il 19-38 (Canna non trasforma). Quindi gli italiani dilagano: al 67′ meta di Biagi, dopo una bella percussione personale, Canna centra i pali per il 19-45. Al 77′ ecco l'ottava meta italiana: la sigla Negri che va via centralmente dopo una touche vinta dagli azzurri sui 22 avversari. Comoda trasformazione per Canna per il 19-52 finale.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.